giovedì 29 dicembre 2016

PAVIDEA ARDAVOLLEY vs. FOPPA PEDRETTI BG

Dopo la sosta Natalizia il preparatore atletico Giovanni Berzioli ha imposto duri carichi di lavoro per preparare al meglio il finale del Girone d'andata di questo equilibratissimo Campionato e mettere "fieno in cascina" per ritrovarsi al top della condizione atletica per disputare un grande Girone di ritorno. Sul cammino delle biancorosse, al rientro dalle vacanze, c'è la Foppapedretti Bergamo, nome che risuona tonante nel mondo del volley femminile che propone una selezione giovanissima dalla quale potrebbero spiccare il volo giocatrici per la Prima Squadra. Tutte molto dotate fisicamente, le bergamasche hanno mostrato qualità tecniche importanti e, seppur indietro in classifica, rappresentano la classica mina vagante perché se trovano la serata giusta possono far male a chiunque. Le ragazze di Marini dovranno sfruttare il vantaggio di giocare tra le mura amiche e dovranno dare continuità a quel percorso di crescita evidente che ha portato la squadra dagli ultimi posti ad una classifica interessante col mirino puntato su Brembo, Casazza e Normac lontani pochi punti. Certo l'approccio al match dovrà essere diverso da quello visto a Cremona dove per tutto il primo set le biancorosse sono rimaste con la testa negli spogliatoi, armarsi di tanta pazienza e con umiltà, concentrazione e la giusta dose di agonismo mettere la partita sui binari giusti. Le due attaccanti più accreditate della Foppa sono l'opposto Rossi e il martello Battista che ha incantato per elevazione, coordinazione e potenza gli addetti ai lavori. Allungare gli scambi per indurre a qualche errore in più le giovani avversarie, contenere le loro certe "fiammate" di gioco e sapere rispondere colpo su colpo per evitare di dare loro fiducia sono i dogmi che Marini sta ripetendo incessantemente in palestra alle sue ragazze.

lunedì 19 dicembre 2016

Esperia Cremona- Pavidea Ardavolley Fiorenzuola 1-3

Esperia Cremona- Pavidea Fiorenzuola 1-3 (25-19 9-25 18-25 13-25) Cremona : Radovanovic NE, Bulla 5, Cattivelli (L), Baldini, D'Este 11, Zorzella 8, Zanoni NE, Somenzi, Miglioli 12, Curiazio, Tonna, Boffi 13. All.Finali. Fiorenzuola : Donida 18, Cattaneo 15, Premoli NE, Messaggi, Tosi 16, Riboni NE, Ermoli NE, Coti Zelati (L), Morelli 5, Sfogliano NE, Vignola 2, Hodzic 14, Scapuzzi. All. Marini. Non si ferma più questa Pavidea Ardavolley che centra il quarto successo consecutivo (quinto in 6 giornate) e si impone a Cremona 3-1 con autorità. Ma l'inizio è stato shock per le biancorosse probabilmente scese in campo con un approccio sbagliato, quasi svogliato. E ci sono volute le urla di Coach Marini dalla panchina per svegliare la squadra che poi dal secondo set ha ingranato la marcia giusta e non ha più lasciato chance alle padrone di casa guadagnando altri 3 punti che permettono di avvicinare in classifica Brembo e, soprattutto, di mettere tanto spazio tra sè e le ultime 4 in classifica. Primo Set : le ragazze di Marini partono malissimo e in un amen si ritrovano sotto 5-0 con la D'Este che in battuta mette in crisi la ricezione piacentina. Timida reazione biancorossa ma una Cremona determinata e i troppi errori di Donida e compagne portano l'Esperia avanti 13-5. Alisa Hodzic prova a cambiare l'inerzia del match con due punti consecutivi da posto 2, ma la ricezione è balbettante, la difesa nulla e Cremona ne approfitta per volare 23-13. Due ace di Veronica Vignola e due muri firmati Cattaneo e Hodzic riportano sotto la Pavidea che però deve soccombere 25-19 con un attacco in rete di Donida. Secondo Set : Marini è infuriato e scuote le sue ragazze. Il secondo set è un monologo biancorosso. Entra in partita Serena Tosi, in ombra come tutte le compgne nel primo set, e in battuta crea il vuoto. Donida è superlativa in attacco e in difesa e finalmente comincia a funzionare il muro con Cattaneo e Hodzic a dettar legge. 8-3 al primo timeout tecnico. Al termine di uno scambio bellissimo Tosi mette a terra un attacco in "pipe" meraviglioso e affossa le speranze di rimonta di Cremona. 16-7 al secondo timeout. Non si ferma la Pavidea che affonda i colpi variando il fronte d'attacco. E' un fiume in piena che travolge le padrone di casa e Elena Donida firma il 25-9 che chiude il set. Terzo Set : Dopo un inzio equilibrato (5-5) il break a favore delle piacentine che indirizza il set. E' sempre il servizio di Tosi che scardina la ricezione cremonese e Donida delizia il pubblico con un paio di tocchi da "beacher" da applausi. Vola 14-5 la Pavidea con un'altra "Pipe" di Tosi. Anche Alice Morelli si iscrive al match e con un bel muro a uno sulla Zorzella porta le compagne sul 18-9. Finale altalenante ma sempre sotto controllo delle biancorosse che vanno al set point con un ace di Cattaneo e chiudono grazie all'ennesimo errore di Miglioli. Quarto Set : Con il morale alle stelle per la bella rimonta le Marini's Girls volano a inizio set e ipotecano immediatamente la vittoria finale. 5-0 con un ace di Morelli e una fast vincente di Cattaneo, che ha iniziato con uno sguardo truce ma ha finito elargendo sorrisi. La Boffi prova col cuore a scuotere le compagne ma la Pavidea ora è un fiume in piena e travolge le avversarie. 16-8 al timeout. Coti Zelati difende ogni palla come fosse l'ultima e trascina le compagne, Donida mostra una varietà di colpi da far invidia a chiunque e Hodzic con la battuta in salto fa male. 20-10 e scorrono già i titoli di coda. La Miglioli firma gli ultimi punti per la sua squadra, poi il finale è tutto di Marina Cattaneo che con due primi tempi da altezze siderali chiude la partita. 25-13. Sarà un Natale sereno in casa biancorossa grazie a questo finale di Girone d'andata molto positivo che ha ridato una giusta dimensione alla classifica delle ragazze di Patron Bargazzi. C'è ancora tanto lavoro da fare e i margini di miglioramento sono ancora ampi, ma la strada intrapresa sembra quella giusta per poter togliersi altre soddisfazioni in un Campionato difficile e equilibrato come questo. Alla ripresa ospite delle biancorosse la Foppapedretti Bergamo, una selezione di giovanissime dal talento sconfinato ma con tutti i difetti delle teenager. Ci vorrà tanta pazienza e tanta difesa ma ripartendo dagli ultimi 3 set di Cremona si può sperare in un 2017 positivo e ricco di soddisfazioni per questa Pavidea ArdaVolley.

giovedì 15 dicembre 2016

ESPERIA CREMONA vs. PAVIDEA ARDAVOLLEY

Ultimo impegno del 2016 per la Pavidea Ardavolley Fiorenzuola impegnata in casa dell'Esperia Cremona. Reduce da 3 vittorie consecutive, la squadra di Marini vuole chiudere in bellezza l'anno ma per farlo dovrà imporsi a Cremona contro una squadra disperata e che contro le biancorosse si giocherà le residue speranze di agganciare il treno delle altre pericolanti. L'Esperia, neo promossa, era partita con ben altre velleità ma causa qualche infortunio di troppo si è ritrovata sul fondo della classifica. Tante sconfitte ma quasi tutte dopo match combattuti che fanno intuire un potenziale della squadra inespresso e che dovrebbe far suonare un campanellino d'allarme nella testa di Donida e compagne. Se questa trasferta venisse affrontata senza la giusta concentrazione potrebbe rivelarsi un trabocchetto per le biancorosse di patron Bargazzi. Ottavia Boffi, classe 94 ex B1 a Lodi, è la punta di diamante delle cremonesi guidate da Coach Mauro Finali, ma anche Silvia D'Este e Giulia Miglioli entrambe classe 98, sono giocatrici da temere, capaci di marcare punti in attacco e in battuta. Dopo le ottime prestazioni tra le mura di casa contro Lecco e Normac, ci aspettiamo di vedere una Pavidea Ardavolley bella anche in trasferta che faccia passare un Natale sereno ai propri sostenitori !

domenica 11 dicembre 2016

Pavidea Fiorenzuola - Normac AVG GE 3-0 ( 25-16 25-19 25-22 )

Pavidea Fiorenzuola - Normac AVG GE 3-0 ( 25-16 25-19 25-22 ) Pavidea : Donida 12, Cattaneo 5, Premoli NE, Messaggi 1, Tosi 10, Riboni NE, Ermoli NE, Coti Zelati (L), Morelli 9, Sfogliano NE, Vignola 2, Hodzic 18, Scapuzzi 1. All.Marini. Normac : Montinaro 1, Mangiapane 2, Zamagni NE, Longo NE, Truffa 10, Botto (L), Turci 1, Gazzano NE, Farina 4, Bulla, Scurzoni 13, Iandolo 3, Bilamour 10. All. Barigione. Terza vittoria consecutiva (quarta nelle ultime 5 partite) per le ragazze di Marini che si impongono con autorevolezza sulla Normac Genova e migliorano sensibilmente la loro classifica allontanandosi dalla zona calda della classifica. Una prestazione molto positiva quella delle biancorosse che hanno messo in mostra una condizione psicofisica ottimale, un'ottima coordinazione muro/difesa e attaccato con percentuali da urlo. Sugli scudi una Hodzic a tratti devastante, ben affiancata dalle due bande Donida e Tosi e da segnalare la buonissima prestazione della rientrante Alice Morelli che con il servizio ha messo sempre in difficoltà le genovesi e realizzato 9 punti. 1.Set : Parte forte la squadra di casa e scappa subito anche grazie a parecchi errori delle genovesi. 8-5 al primo timeout tecnico. Hodzic incontenibile e break decisivo delle biancorosse. 16-7 al secondo minuto di sospensione. Vola la Pavidea sulle ali dell'entusiasmo e si porta 21-9 con Donida bravissima a sfruttare le mani del muro avversario. Una fast della Cattaneo porta la primo set ball subito sfruttato da Alisa Hodzic che da posto 2 stampa il 25-16. 2.Set : Più equilibrato in partenza il secondo set, nel quale le genovesi provano a rientrare in partita. 8-7 per le biancorosse, ma ricuce lo strappo la Normac soprattutto grazie ai primi tempi di Scurzoni, un centrale di soli 17 anni ma dal futuro certo. Tosi e Donida però sono implacabili e riportano avanti la Pavidea. 16-13. Un ace di Morelli e un paio di muri di Hodzic danno il là alla fuga della squadra di Marini. Al secondo set point un errore al servizio della temutissima Bilamour sancisce il definitivo 25-19 per Donida e socie. 3.Set : La Normac non c'è più e la squadra di casa ne approfitta e scappa subito in avvio di set. La Donida al servizio fa malissimo, Veronica Vignola ha ora la possibilità di variare a piacere il gioco e chiunque venga sollecitato dalla palleggiatrice mette il pallone a terra. 8-3 al primo stop tecnico. Ormai Genova sembra alzi bandiera bianca e Morelli piazza un altro ace, Elena Donida delizia il pubblico con giocate di classe e dall'altra parte sola la terribile ragazzina Scurzoni prova a scuotere le compagne. 21-10 per le biancorosse. Qui la Pavidea commette l'unica leggerezza della serata dando per finito l'incontro prima del dovuto sbagliando qualche palla di troppo e dando l'illusione alle ospiti di poter incredibilmente ribaltare il set. Dal 24-18 per le biancorosse si arriva a 24-22 con Bilamour che spara le ultime cartucce ma a decretare la fine del match la più giovane in campo, Glenda Messaggi che da posto 4 mette a terra la palla che manda tutte sotto la doccia. 25-22 e 3-0 finale. Una prova di maturità superata dale biancorosse che sabato prossimo a Cremona devono chiudere il 2016 in bellezza per avanzare in classifica, togliersi definitavamente dalle zone basse e cominciare a porsi obiettivi diversi e più ambiziosi per il 2017. Ma in trasferta sarà comunque una battaglia contro un'Esperia con l'acqua alla gola con un disperato bisogno di punti.

giovedì 8 dicembre 2016

PAVIDEA ARDAVOLLEY vs. NORMAC AVG GENOVA

La Pavidea dopo un bruttissimo inizio di Campionato sembra aver trovato una propria dimensione e nelle ultime 4 partite ha incamerato 9 punti con 3 vittorie e una sconfitta in trasferta a Gorla. Contro la Normac Genova la squadra di Marini è a un bivio : vincendo staccherebbe il gruppone delle squadre pericolanti (tutte impegnate in partite proibitive), perdendo si ritroverebbe ancora invischiata nelle sabbie mobili della zona rossa a rischio retrocessione. La Normac, forte di una classifica tranquilla, arriva da una sconfitta casalinga contro l'Offanengo dopo una lotta durata 5 set e risolta sul filo di lana dalle cremasche. Squadra ostica, completa, con un roster lungo che Coach Crisafulli alterna con continuità. La stella della squadra è la schiacciatrice Giulia Bilamour, braccio veloce e potente che nella prima parte della stagione ha impressionato gli addetti ai lavori. Molto interessanti le due centrali titolari, Emanuela Gazzano e la giovanissima Sara Scurzoni, ottime a muro e spesso sollecitate in attacco dalla palleggiatrice Francesca Montinaro. Compagine che sbaglia molto poco, la squadra genovese ha dimostrato di poter far punti contro chiunque e ci vorrà la Pavidea vista 15 gg fa contro Lecco per poter giocare alla pari con loro. Ancora assenti Ermoli e Riboni, coach Marini spera di non dover fare a meno di Alisa Hodzic che causa una microfrattura alla mano destra si sta allenando col freno a mano tirato. Appuntamento al PalaMagni sabato 10 Dicembre alle 20.30

domenica 4 dicembre 2016

BRACCO PRO PATRIA MILANO - PAVIDEA FIORENZUOLA 1-3 (22-25 19-25 25-23 13-25)

BRACCO PRO PATRIA MILANO - PAVIDEA FIORENZUOLA 1-3 (22-25 19-25 25-23 13-25) Pro Patria : Lazzari 4, Chiesurin, De Marzi 4, Mantovani 1, Scarpa, Rocca NE, Giobbe 15, Omoruyi 12, Travo NE, Macrina 19, Bassani NE, Sollazzo (L), Cingari. All. Parlatini. Fiorenzuola : Donida 14, Cattaneo 17, Premoli NE, Messaggi 4, Tosi 7, Riboni NE, Ermoli NE, Coti Zelati (L), Morelli, Sfogliano 6, Vignola 3, Hodzic 15, Scapuzzi 1. All. Marini Seconda vittoria consecutiva per le ragazze di patron Bargazzi che espugnano il campo della Pro Patria con qualche sofferenza di troppo, regalando un set, ma chiudendo il quarto con autorevolezza e senza lasciare spiragli di rimonta alla giovane, promettente compagine milanese. Assenze per entrambe le formazioni : tra le padrone di casa è out per un brutto infortunio al polso Caterina Bassani, bomber principe della squadra mentre tra le ospiti ferme ai box Francesca Ermoli, Martina Riboni e Elisa Premoli. Hodzic è in campo nonostante la frattura al pollice della mano destra. 1.SET : Inizio molto equilibrato dove gli errori superano i vincenti. L'importanza della posta in palio probabilmente limita il bel gioco e al primo timeout tecnico il tabellone vede le padrone di casa avanti 8-7. Break delle ragazze di Marini grazie a qualche errore di troppo della Omoruyi e punteggio che segna 15-10 per Donida e compagne. Macrina suona la carica e da posto 4 è una sentanza. 16-16. Nel finale è Donida che con astuzia usa il muro avversario e riporta avanti Fiorenzuola 20-16. Finale palpitante che si chiude con un errore della Macrina e set vinto dalla Pavidea 25-22. 2.SET : Dopo il solito inizio prudente ed equilibrato 4-4, Marina Cattaneo prende per mano le compagne e a suon di muri e di fast vincenti opera il break che permette alle fiorenzuolane di issarsi sul 16-7. Hodzic, nonostante l'infortunio, è letale da prima e seconda linea e nell'unico momento di appannamento del set entra con la sua verve Glenda Messaggi al posto di una Tosi spenta e con due punti di potenza e precisione riporta la Pavidea avanti 21-15. Un ace di Scapuzzi (molto positiva la sua prova al servizio) porta al set point che viene sfruttato dalle biancorosse che obbligano Macrina a forzare e sbagliare. 25-19. 3.SET : Forse convinte di avere già il match in tasca le piacentine tirano il freno a mano e le ragazze di casa invece producono il massimo sforzo per rientrare in partita. Trascinate da Giobbe e Macrina la Pro Patria scappa fino a 13-9. Tosi dà segni di vita e con due punti consecutivi riporta le sue sotto. Donida firma il 15 pari. Risale in cattedra Macrina con 2 ace e Pro Patria ancora avanti di 4 lunghezze 19-15. Due punti di Hodzic, un ace di Vignola e un paio di errori della squadra di casa e Fiorenzuola che si trova davanti per la prima volta nel set 22-21. Un ace con l'aiuto del nastro di Lazzari e due punti di Omoruyi fanno impazzire il folto pubblico di casa che salta con un interminabile applauso il punto finale del set della Omoruyi. 25-23. 4.SET : Splendida dimostrazione di forza delle ragazze di Marini che nel 4. set partono a mille e lanciano un segnale inequivocabile alle avversarie. Cattaneo è inarrestabile in prima linea e Pavidea che vola 13-5. Hodzic dopo un set non all'altezza ritorna a martellare con continuità e Donida è sempre molto efficace nel lavorare palle sporche. Vola 20-12 la Pavidea, c'è spazio ancora per Glenda Messaggi che firma un altro bel punto che porta al match point. Una invasione di Lazzari chiude la sfida 25-13 per le fiorenzuolane. Non la miglior Pavidea dell'anno ma oggi i tre punti erano l'unica cosa che contava e sono state brave le biancorosse a portare a casa una vittoria da 3 punti che le porta in una posizione molto più tranquilla in classifica in virtù delle sconfitte di Marudo, Sanda, Bergamo e Cremona. Sabato prossimo contro la Normac ci vorrà di più, le ragazze lo sanno ma ora il morale è alle stelle e siamo convinti che sabato sarà una partita tutta da gustare.