domenica 30 ottobre 2016

SERTECO GE - PAVIDEA FIOENZUOLA 3-0 (26-24 28-26 25-21

Serteco GE : Stasi 6, De Marco 3, Perata (L), Montedoro NE, Mwetu 2, Mukay NE, Bernabè NE, Villa, Caporaso 9, Rossi 10, Fontana 6, Talamazzi 20, Poggi NE, Pilato NE. All.Spirito. Pavidea Fiorenzuola : Donida 5, Cattaneo 12, Premoli NE, Messaggi NE, Tosi 12, Riboni NE, Ermoli, Coti Zelati (L), Morelli 1, Sfogliano 5, Vignola 2, Hodzic 13, Scapuzzi 1. All.Marini Una brutta battuta d'arresto per la Pavidea al cospetto di una non irresistibile Serteco che ha però gettato sul campo più cuore delle ragazze di Marini che hanno dilapidato importanti vantaggi sia nel primo che nel secondo set. Una sconfitta che deve far riflettere perchè ora la classifica, seppure dopo solo 3 giornate, inizia a essere pesante per le valdardesi che nel prossimo turno dovranno affronatare la corazzata Offanengo che oggi ha vinto il derby con Marudo 3-0 senza neanche dannarsi troppo l'anima. PRIMO SET : L'inizio è tutto di marca biancorossa con le ragazze di Marini che sfruttano un paio di errori in ricezione di Perata e scappano 9-2 con Hodzic a tratti dominante. Un clamoroso errore del tavolo che regala un punto alle padrone di casa innesca un po' di nervosismo tra le ragazze di Marini (a nulla sono valse le proteste dei dirigenti fiorenzuolani) e Sereco che si rifà sotto ma un ace di Cattaneo e un attacco vincente di Tosi riportano avanti le piacentine 14-9. Qui sale in cattedra la Talamazzi che realizza 4 punti consecutivi martellando da posto 4 senza pietà. Emergono limiti tecnici in ricezione per le biancorosse e ne approfitta la Serteco riportandosi in aprità a 16. Due ace consecutivi di Hodzic e un muro di Cattaneo portano avanti la Pavidea 22-18 ma il finale è amaro per le ragazze di Marini che dilapidano il vantaggio con alcuni errori clamorosi. Si va 24 pari ma un attacco vincente di Talamazzi e un muro su Donida sanciscono il 26-24 per le genovesi. SECONDO SET : L'equilibrio regna sovrano per tutto il set, si va al primo time out tecnico con la Serteco avanti 8-7 ma la Tosi reagisce a un momento di appannamento e riporta le sue avanti fino al secondo time out che si chiude con le fiorenzuolane avanti 17-16. Finale al cardiopalma ed è ancora Serena Tosi a stampare un bel muro a uno firmando il 23-22 x la Pavidea. Un ace ancora di Tosi e set point per le biancorosse ma la Talamazzi lo cancella con un diagonale chirurgico. Altro set point sul 26-25 e stavolta è un primo tempo di Caporaso a spegnere l'urlo di gioia delle valdardesi. Un errore di Donida dà la chance di chiudere il set alle genovesi che non la sprecano e chiudono 28-26. TERZO SET : dopo la mazzata nel morale per 'aver perso due set ai vantaggi le biancorosse provano ad allungare il match ma il morale delle ragazze di casa è alle stelle e la Talamzzi nel terzo diventa un vero incubo martellando da tutte le posizioni.Sono addirittura 8 i suoi attacchi vincenti nel set che è sempre condotto dalla Serteco. C'è un tentativo di riavvicinamento grazie a Cattaneo che è l'ultima ad arrendersi, si arriva fino al 20-23 ma sono ancora due errori delle piacentine a decretare il 25-21 finale. Marini dovrà lavorare tanto in settimana sul morale delle ragazze uscite davvero a testa bassa dal rettangolo di Genova, consce di aver sprecato un'occasione unica di far punti. E' mancato quel killer instinct nelle fasi cruciali dei set e sembrava che le ragazze di casa avessero più determinazione nel difendere e nel non voler far cadere la palla. Una dote che non si compra al supermercato ma deve uscire da ognuno delle ragazze che devono mettersi al servizio delle compagne e giocare da squadra.

venerdì 28 ottobre 2016

SCUOLA DI PALLAVOLO ARDAVOLLEY - LUCIANO PEDULLA' - La metodologia della pallavolo nel volley femminile -

Settore giovanile e approfondimento tecnico sui fondamentali di base. L'Ardavolley organizza giornata di approfondimento con Luciano Pedullà L'ex tecnico di Novara e Germania grazie all'amicizia con Matteo Scotti Team Manager della Pavidea Ardavolley di B2 ha accettato di portare la sua pluriennale esperienza ai massimi livelli all'incontro coi numerosi allenatori atleti del territorio

SERTECO GENOVA Vs. PAVIDEA ARDAVOLLEY

Dopo aver conquistato il primo punticino in casa contro il Brembo, la Pavidea alza il tiro e vuole conquistare i primi punti in trasferta in casa di una Serteco Genova che finora ha battuto seccamente Marudo 3-1 all’esordio e poi è uscita sconfitta altrettanto nettamente a Offanengo. Una squadra quella ligure che si esalta tra le mura amiche e che deve ottenere più punti possibili nel proprio fortino. Costruita con il chiaro intento di raggiungere la salvezza, la Serteco vanta tra le proprie fila Ester Talamazzi, l’anno scorso titolare in A2 a Latina, che ha trascinato la propria squadra nell’esordio vincente contro Marudo. Il roster genovese è completato dalla palleggiatrice Giulia Stasi, dall’opposta dalla mano pesante Roberta Rossi; l’altra banda oltre alla citata Talamazzi è il capitano Maurizia Caporaso, mentre i due centrali sono Irene Fontana e Marlene Mwehu. Libero Cecilia Perata. Un altro fattore da non sottovalutare per le biancorosse di Coach Marini è l’ambiente caldissimo che troveranno, con i tifosi vicini al campo armati di tamburi, trombe e sempre pronti ad incitare rumorosamente le proprie beniamine. La Pavidea in settimana ha lavorato sui propri limiti emersi nei primi due match, cercando di migliorare le percentuali di errori gratuiti, davvero troppi, e sulla gestione dei contrattacchi che contro Brembo sono stati raramente efficaci. Marini ci crede, vede le proprie ragazze lavorare con convinzione e costrutto ed è convinto a breve di raccogliere i risultati di tanto lavoro. “Si respira un’ottima atmosfera tra le ragazze. Si è formato uno splendido gruppo, ora dobbiamo diventare una splendida squadra. Ho parlato chiaro alle ragazze, un millimetro alla volta e arriveremo dove ci siamo prefissati. La palla deve cadere nel nostro campo una volta in meno, le ragazze devono parlarsi e aiutarsi in campo e poi acquisteremo fiducia e energia per chiudere in attacco”.

domenica 23 ottobre 2016

FIORENZUOLA ARDAVOLLEY - BREMBOVOLLEY 2-3

FIORENZUOLA ARDAVOLLEY - BREMBO VOLLEY 2-3 (18-25 25-22 19-25 25-22 11-15) Fiorenzuola : Donida 14, Cattaneo 9, Messaggi 1, Tosi 12, Ermoli 2, Morelli 6, Sfogliano 2, Vignola 3, Hodzic 20, Scapuzzi, Coti Zelati (L), Riboni NE, Premoli NE. All. Marini. Brembo : Bertocchi 7, Signorelli 2, Colantuoni (L), Fogaroli NE, Asperti NE, Galligani, Sala 1, Guerrini 10, Lorenzi 10, Capoferri 16, Di Prisco 5, Cassis 23, D'Agata 7. All. Belotti. Tanto cuore non è bastato al Fiorenzuola per avere ragione di un coriaceo Brembo, che fa della difesa la sua forza e davanti si affida soprattutto alla potenza della Cassis e all'intelligenza della Capoferri bravissima a trovare le mani del muro e capitalizzare al meglio i palloni serviti da Di Prisco. Le biancorosse hanno lottato, Marini ha provato spesso con il doppio cambio di cambiare l'inerzia del match e con le unghie le fiorenzuolane si sono arrampicate al quinto set deciso poi in volata dalle battute di Guerrini e da una decisione molto controversa del secondo arbitro che ha fischiato una invasione a Cattaneo quando invece era stata la Lorenzi a scuotere la rete. Cronaca : Primo set : partenza ad handicap delle biancorosse che faticano a trovare il ritmo in ricezione e attacco. Volano le ospiti fino al 17-8, poi con il primo doppio cambio prova una reazione la Pavidea con Ermoli a punto e due ace di Donida ma un errore in attacco di Tosi e poi la battuta sbagliata di Sfogliano determinano il 25-18 ospite. Secondo set : Come per incanto si erge a protagonista Serena Tosi, fantasma nella prima frazione, ed è lei a mettere a terra i primi 4 palloni del set. Anche Cattaneo esce dal torpore e devasta le bergamasche a suon di fast. Ma il Brembo non molla e complice qualche errore di troppo delle piacentine si riporta 12-12. Ancora Tosi e Cattaneo sugli scudi e locali che prendono quei 2 punti di vantaggio difendendoli coi denti fino alla fine, Hodzic timbra con continuità e il set si chiude con un errore della Cassis. 25-22 Terzo set : Il terzo set si decide sugli errori, troppi per le piacentine che regalano con attacchi fuori e infrazioni parecchi punti alle bergamasche. Dopo un inizio in salita, Hodzic trascina le compagne fino al 15-16 poi un erroraccio di Sfogliano apre la strada al break delle ospiti che volano 23-17. Ci provano ancora Cattaneo e Ermoli a ribaltare il set ma un attacco vincente della mastodontica Cassis chiude la frazione. 25-19 Quarto set : Con Morelli i campo per Sfogliano, le ragazze di Marini partono forte e si issano 8-3 al primo time out tecnico. Reagisce l'indomito sestetto ospite ma Hodzic fa male anche dalla seconda linea, Donida usa bene il muro a proprio favore e Morelli si dimostra difficile da superare a muro. 18-16 per le piacentine al secondo time out tecnico. Donida nel finale di set regala il 24-20 per le piacentine che subiscono 2 ace dalla Cassis prima di chiudere 25-22 grazie a un muro di Hodzic. Quinto set : Partenza razzo ospite, poi due ace di Morelli riportano il match in equilibrio. 8-8. Invasione fischiata a Marina Cattaneo, decisione contestatissima dalla panchina e dal pubblico di casa e Brembo che piazza la fuga vincente con Guerrini al servizio. Finisce 15-11 per le bergamasche. Partita che ha offerto una bella pallavolo, ricca di scambi lunghi, combattuti e difese da applausi. Per le biancorosse un deciso passo in avanti rispetto all'opaca prova di Casazza, primo punticino conquistato anche se rimangono tante cose da migliorare, dalla organizzazione del muro, alla ricezione ancora un po' precaria e soprattutto bisognerà limitare il numero di errori troppo alto se si vuole essere competitivi in un Girone di serie B2 davvero tosto. Però guardando il bicchiere mezzo pieno da segnalare la bella reazione della squadra dopo aver perso primo e terzo set, una Hodzic puntuale e in crescita e una regia decisamente più precisa e puntuale rispetto alla prima uscita. Prossima tappa a Genova contro la Serteco che vanta 3 punti frutto della vittoria su Marudo e dela sconfitta a domicilio della corazzata Offanengo.

sabato 22 ottobre 2016

PAVIDEA ARDAVOLLEY vs BREMBOVOLLEY TEAM BG

Esordio casalingo sabato 22 Ottobre alle 20:30 per la rinnovata Pavidea Ardavolley contro la forte formazione bergamasca del Brembo. Le ragazze di Marini, sconfitte nella prima giornata di Campionato a Casazza, sono chiamate a reagire e far valere il vantaggio di giocare tra le mura amiche. Sabato scorso dopo un ottimo primo set la formazione fiorenzuolana si è disunita e non ha avuto la capacità di giocare bene i punti importanti del match. Ha tenuto sempre fino ai finali di set, ma quando servivano le energie per lo sprint finale ha lasciato campo a un Casazza che comunque ha mostrato individualità da serie superiore. Il prossimo avversario è reduce da una squillante vittoria per 3-1 contro una delle favoritissime del girone, l'Offanengo. Lo scorso anno la formazione bergamasca terminò la Regular Season in quinta posizione e nonostante la perdita di alcune giocatrici importanti come Gotti Fumagalli e Marini ha saputo sostituirle con giocatrici altrettanto valide quali Sara Cassis (top scorer nella prima di Campionato con 20 punti), Francesca Lorenzi centrale sempre in doppia cifra in attacco e molto efficace a muro e Michela Guerini autrice di 18 punti contro Offanengo. Inoltre le bergamasche hanno una coppia di palleggiatrici con esperienze di B1 quali Galigani e Sala che garantiscono alta qualità e tanta esperienza. Ci vorrà la miglior Pavidea per avere la meglio su una squadra così solida e dal roster molto lungo. Dovranno essere brave le biancorosse a non calare mai l'intensità, evitando pericolosi break e rimanere sempre "sul pezzo" per poter poi sprintare nei finali di set. In settimana la squadra di Coach Marini si è allenata bene, senza intoppi, cercando di affinare l'intesa tra palleggio e schiacciatrici e lavorando duro su ricezione e difesa. Patron Bargazzi suona la carica : "Vorrei vedere una squadra che vince divertendo e divertendosi, ma in ogni modo un gruppo unito che lotta fino all'ultimo punto, senza mai dimenticare che è sport, divertimento e allegria."

domenica 16 ottobre 2016

PALENI CASAZZA - PAVIDEA FIORENZUOLA 3-1

(23-25 25-21 25-22 25-17) Casazza : Savoldi 5, Milesi NE, Carsana NE, Suardi NE, Grigis 5, Dall'Asen 9, Berera 20, Signorelli 7, Colombi (L), Trapletti 10, Canevali 18. All. Mikusova. Fiorenzuola : Donida 13, Cattaneo 13, Premoli NE, Messaggi NE, Tosi 9, Riboni NE, Ermoli NE, Coti Zelati (L), Morelli, Sfogliano 7, Vignola, Hodzic 19, Scapuzzi 1. All. Marini. Disco rosso per la formazione piacentina a Casazza. Contro la Neo promossa Paleni, le ragazze di Marini giocano un buon primo set ma poi si devono arrendere alle bordate di Berera e Canevali. Ci provano nel 3. set le piacentine a ribaltare le sorti del match ma le modeste percentuali in ricezione e la difficoltà di mettere la palla in terra impediscono una rimonta che sembrava possibile e premiano le locali brave a crescere nel corso match e chiudere in un quarto set condotto con autorità guidate da Colombi che non sbaglia un colpo in ricezione. Primo Set : Dopo un inizio equilibrato con qualche errore di troppo da entrambe le parti, scappa la Pavidea grazie a due muri perentori di Hodzic. Tosi martella da posto 4 e fiorenzuolane che volano 9-4. Reazione Casazza grazie alla battuta di Canevali che piazza 2 ace e Donida che fatica a passare. 10-10. Qualche errore di troppo in regia dove a Vignola vengono fischiate 3 infrazioni di "doppia" in palleggio. 17-16 avanti le locali al time out tecnico. Cattaneo in fast e Tosi con una pipe suonano la carica e grazie a un paio di errori delle ragazze di casa Pavidea che vola 23-17. Blackout piacentino e Casazza torna 23 pari ma una battuta sbagliata e un attacco supersonico di Donida consegnano il set alle piacentine. 25-23 Secondo Set : Equilibrio fino al 5-5 poi break delle bergamasche favorito dai troppi errori-punto delle piacentine. Reazione ospite grazie a Hodzic e Cattaneo che ricucioni parzialmente lo strappo 9-12. Marini prova il cambio in regia con l'inserimento di Scapuzzi per Vignola ma il muro di Canevali e Berera è letale per Tosi che non trova più lo spazio per passare. Vola 19-13 la formazione di casa. Reazione rabbiosa piacentina guidata da Donida e Hodzic. Un paio di muri consecutivi di Sfogliano riavvicinano le biancorosse 21-19. Ma il finale è tutto della Berera che piazza due muri a Donida e piazza il pallonetto vincente che sancisce il 25-21. Terzo Set : Iniziano bene le ragazze di Marini e con un ace di Scapuzzi e un paio di missili terra aria di Hodzic scappano 6-3. Continuano le difficoltà per Tosi di mettere palla a terra e le bergamasche riprendono fiducia e guidate da Colombi che in ricezione e in difesa non sbaglia un colpo ribaltano il set portandosi avanti 16-13 al time out. Donida ci prova con le unghie e piazza 4 attacchi vincenti che portano a contatto le due formazioni 23-22. Ma il finale è ancora bergamasco con Trapletti che da seconda linea fa male e chiude 25-22. Quarto set : Rientrata Vignola in cabina di regia, le piacentine provano a reagire per portare la partita al tie break ma anche in questo set nonostante una partenza incoraggiante, avanti 5-2 con due ace di Sfogliano, subiscono la reazione delle padroni di casa che si riportano sotto. Hodzic è in palla e sfonda da posto 2. 15-15. Nonostante un paio di belle fast di Cattaneo, il finale è amaro per le biancorosse con Donida e Tosi murate a ripetizione e Casazza che vola a vincere 25-17. Bergamasche che meritano il successo in virtù di percentuali migliori in tutti i fondamentali. Piacentine che dovranno lavorare in settimana per colmare alcune lacune evidenziate in grassetto da questa partita, dalla ricezione assolutamente rivedibile, alla regia che deve salire di qualità e all'attacco da posto 4 oggi un po' il tallone d'Achille delle biancorosse. La squadra è molto giovane e ci sta che in trasferta si patisca un pochino ambiente, palestra e emozione ma da sabato prossimo ci aspettiamo una reazione d'orgoglio, tra le mura amiche, contro un Brembo capace di battere la corazzata Offanengo 3-1.

sabato 15 ottobre 2016

CASEIFICIO PALENI vs. PAVIDEA ARDAVOLLEY

Sarà il Palazzetto di Casazza (BG) il luogo dove sabato alle ore 20:30 verrà tolto il velo alla rinnovata Pavidea Fiorenzuola nella prima giornata di Campionato di B2 Femminile. Contro la formazione locale, neo promossa ma con chiari obiettivi di un Campionato di alta classifica, la compagine di Coach Marini è chiamata a confermare la buona impressione lasciata nell'ultima amichevole vinta contro la Pro Patria. Nessuna defezione tra le biancorosse, con il recupero di Coti Zelati, Morelli e Riboni. Ma attenzione alle padrone di casa che vorranno presentarsi al meglio al pubblico di casa. Giulia Trapletti e Francesca Berera sono le due bocche da fuoco delle bergamasche ma tutto l'organico a disposizione della nuova guida tecnica, Iveta Mikusova, è di primordine e annovera tra le proprie fila due ragazze l'anno scorso protagoniste in B1 con la maglia di Trescore, Flavia Canevali e Cristina Colombi. La compagine bergamasca ha conquistato la promozione dalla C al termine dei playoff vinti con merito. Un salto di categoria cercato e voluto al termine di una stagione molto positiva e caratterizzata anche dalla vittoria in Coppa Lombardia e nel Torneo delle Alpi. Sarà quindi un banco di prova impegnativo per le biancorosse che però vogliono partire con il piede giusto e scenderanno sul rettangolo di Casazza con la determinazione e la convinzione di poter portare a casa il bottino pieno. Capitan Donida suona la carica : Il nuovo D.G. Mariano Guarnieri è curioso di vedere all'opera in una partita ufficiale la squadra che finora si è disimpegnata solo in partite amichevoli

domenica 9 ottobre 2016

PAVIDEA ARDAVOLLEY - PRO PATRIA 4-1

PAVIDEA ARDAVOLLEY - PRO PATRIA 4-1 (25-20 25-15 25-13 23-25 25-18) Ultima amichevole pre-campionato per la Pavidea contro la Pro Patria, formazione giovanissima che disputerà lo stesso Girone di Serie B della squadra piacentina. Recuperata Coti Zelati dall'infortunio, Marini lamenta l'assenza di Riboni ancora ai box per una fastidiosa lombalgia. Tutte disponibili le altre. La Pro Patria si presenta con una formazione con tante Under, tra le quali spiccherà il talento dell'opposto Bassani. I due allenatori si accordano per giocare 5 set per poter dare spazio a tutte le giocatrici e rodare al meglio i meccanismi a 8 gg dall'inizio del Torneo. PRIMO SET : Partenza sprint delle ospiti trascinate dalla Omoruyi che da posto 4 fa male alle biancorosse. Le piacentine cominciano a ingranare in ricezione e a contrattaccare bene con Hodzic e Tosi che imperversano in attacco. Al time out tecnico di metà set Pavidea avanti 16-14 e set che rimane equilibrato fino al 20-18 poi un paio di muri di Sfogliano e Hodzic scavano il solco che diventa decisivo. 25-20 il finale. SECONDO SET : regna l'equilibrio fino al 14 pari poi va in battuta Donida ed è letale per le avversarie. 11 punti consecutivi e set in ghiaccio per le ragazze di Marini. Finisce 25-15 con il punto finale firmato da una bordata di rara potenza di Alisa Hodzic. TERZO SET : Cambio in regia per le biancorosse con l'ingresso di Scapuzzi per Vignola. Anche le avversarie effettuano qualche cambio e il set prende una piega favorevole per la squadra di casa grazie ancora al servizio di Donida. Il set scivola senza scossoni fino alla fine vinto ancora dalla squadra di Marini per 25-13. Da segnalare l'ingresso a metà set di Alice Morelli che a distanza di 7 mesi dall'infortunio patito lo scorso campionato, rimette i piedi sul parquet e, ironia del destino, mette a terra il primo punto grazie a una splendida fast, stesso colpo che gli causò la rottura del legamento del ginocchio. Un applauso delle compagne di squadre e del pubblico hanno salutato il colpo della giovane Alice che non nascondeva la propria gioia distribuendo sorrisi a tutti. QUARTO SET : girandola di cambi e qualche problema in più per la formazione di casa che soffre la verve di una Bassani dal braccio potente e dalla battuta in salto che destabilizza la ricezione piacentina. Scappa la Pro Patria fino al 23-18, tenta la rimonta la Pavidea ma sul 24-23 per le ospiti è proprio Bassani da posto 2 a mettere in terra la palla della vittoria del parziale per la sua squadra. QUINTO SET : Entra Glenda Messaggi per una stanchissima Donida e proprio lei, coadiuvata da una positiva Ermoli, a firmare il break decisivo a metà set. Sfogliano stampa un paio di muri che spengono le velleità di rimonta delle lombarde e nel finale diventa decisiva la potenza di Tosi che buca a più riprese il muro ospite e chiude 25-18 l'ultimo parziale. Un buon test prima di fare sul serio, da sabato prossimo, a Casazza (BG) ma permane un moderato ottimismo anche in considerazione del margine di miglioramento che questa squadra ancora ha. Da rodare l'asse palleggio/centrali, perfezionare i contrattacchi e migliorare l'incisività della battuta forse i nodi sui quali Marini dovrà lavorare alacremente. Ma la qualità c'è, il gruppo sembra coeso e compatto e i miglioramenti visti finora fanno presagire una stagione in cui ci si potrà divertire. Tabellini : PAVIDEA : Donida 17, Cattaneo 7, Messaggi 4, Tosi 11, Ermoli 5, Morelli 4, Sfogliano 10, Hodzic 14, Scapuzzi 4, Vignola, Coti Zelati (L), Premoli. All. Roberto Marini PRO PATRIA : Lazzari 6, De Marzi 3, Della Monica 2, Mantovani 4, Scarpa (L), Rocca 6, Giobbe 4, Omoruyi 13, Travo 1, Macrina 3, Bassani 19. All. Luca Parlatini

domenica 2 ottobre 2016

PAVIDEA FIORENZUOLA - PISOGNE 1-3

PAVIDEA FIORENZUOLA - PISOGNE 1-3 (23-25 25-23 20-25 23-25) A 15 giorni dall'inizio del Campionato per la Pavidea un test importante contro la formazione bresciana del Pisogne che disputerà al pari delle fiorenzuolane la B2 seppure in un girone differente. La squadra di Coach Marini si presenta priva di alcune pedine fermate da diversi acciacchi. Soprattutto pesa l'assenza di entrambi i liberi, Coti Zelati alle prese con una micro frattura alla mano e Riboni bloccata da una noiosa sciatalgia. Hodzic affaticata, Donida influenzata e Morelli ancora indisponibile completano il problematico quadro clinico della Pavidea. Primo set nel quale la squadra biancorossa vola 16-11 grazie a una battuta efficace e a un muro che funziona egregiamente. La giovane Messaggi, impiegata eccezionalmente da libero, se la cava e l'attacco funziona grazie soprattutto a Tosi e Hodzic che martellano con violenza. Le piacentine si issano fino al 22-18 poi sale in cattedra una sontuosa Civardi che fa male in servizio e dalla seconda linea. Un paio di errori in ricezione e qualche errore in ricostruzione costano il set alla squadra di Marini con le bresciane che chiudono 25-23. Nel secondo set invece regna un equilibrio totale fino al 16/16 poi le bresciane mettono il naso avanti grazie a un pallonetto della Fabbri che fa infuriare Marini e una fast ben eseguita dalla Orfino. Le biancorosse non ci stanno e la Sfogliano al servizio suona la carica e trascina le compagne in un finale punto a punto che stavolta premia le piacentine che vincono 25-23 grazie a un muro vincente di Marina Cattaneo. Nel terzo set girandola di cambi tra le biancorosse che spostano Donida a fare il libero con l'inserimento di Messaggi in banda, cambio-regia con Scapuzzi al posto di Vignola e Ermoli che prende il posto dell'acciaccata Hodzic. Giocano meglio le bresciane illuminate dalla regia di Puce che si trova a meraviglia con Civardi. Le palle spinte della giovane palleggiatrice trovano puntuali le bordate della compagna di squadra che dimostra di valere una categoria superiore. Le bresciane volano 21-14 ma le ragazze di Marini non ci stanno e reagiscono nel finale trascinate da Ermoli e Messaggi. Risale fino a 20 con 2 aces di Ermoli ma una battuta sbagliata condanna le piacentine alla sconfitta nel terzo set 25-20. Quarto set con coach Bonollo che lascia in campo la formazione "titolare" ma le biancorosse non si sfaldano e lottano punto a punto. Tosi sale in cattedra con alcuni attacchi che strappano applausi al pubblico presente. Sul 23-23 un palla fuori di un niente della Tosi manda al match point le bresciane che chiudono con un bel contrattacco di Kop. Tabellini : PAVIDEA : Donida 9, Cattaneo 5, Premoli, Messaggi 9. Tosi 16, Ermoli 7, Sfogliano 6, Vignola 3, Hodzic 6, Scapuzzi. PISOGNE : Friedshone 7, Casali 4, Laragione 1, Orfino 10, Ferrazzi 3, Civardi 12, Fabbri 9, Kop 13.