domenica 28 aprile 2013

PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA-GRISSINBON TECNOCOPIE REGGIO EMILIA 3-1

PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA-GRISSINBON TECNOCOPIE REGGIO EMILIA 3-1 (22-25, 25-19, 25-11, 25-20).
PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA: Francesconi 15, Sotera 2, Guccione 16, Testa (L), Amasanti 13, Barbarini 3, Fagioli 3, Magno 7, Ghisolfi 6, Vignola 1, Risoli (L2), Nicolini. All: Amoros. II° all. Mazza.
GRISSINBON TECNOCOPIE REGGIO EMILIA: Sornieri (L), Catyellani 11, Losi 1, Marrano 1, Gaddi 2, Castagnetti 1, Bucciarelli (L2), Fanelli 2, Goffrini 1, Ferrari 4, Gozzi 7, Benedetti 11, Bandaogo 8. All: Gualdi. II° all. Remati.
ARBITRI: Perotta di Reggio Emilia e Prandini di Piacenza.
La Pavidea Selta si congeda dal suo pubblico con una vittoria contro il sestetto reggiano del Grissinbon che, nonostante fosse già da tempo retrocesso in serie C, ha onorato l'impegno fino all'ultimo mettendo in evidenza interessanti individualità. Le rossoblu valdardesi hanno sostenuto un proficuo allenamento in vista dei play offs di maggio, ma devono incassare l'infortunio di Alessia Testa che ha dovuto dare forfait all'inizio del quarto set per il riacutizzarsi del malanno muscolare che l'aveva già tenuta fuori per un paio di settimane. La gara è stata piacevole e giocata a buon ritmo dalle due squadre che, non avendo più nulla da chiedere alla classifica, si sono affrontate a viso aperto lasciando spazio anche a scambi spettacolari.
Amoros si affida al sestetto classico con Alessia Testa a fare il "libero" attorniata da Francesconi, Guccione, Sotera, Barbarini e Amasanti; mentre le "granata" di Simone Gualdi rispondono con Gaddi, Fanelli, Benedetti, Ferrari, Gozzi ed il libero Sornieri, una formazione che parte subito in quinta facendo capire di non essere salite in Valdarda per una gita, ma pronta a mettere sul parquet lo spirito e le motivazioni migliori. Incontro equilibrato con Valentina Guccione che prova il primo break e con le reggiane subito al recupero grazie a due attacchi di Gozzi e Castagnetti che fa 3-3. Giulia Sotera forza troppo una schiacciata e dà il sorpasso al Grissinbon, ma Valentina Guccione ci mette la classica pezza da 4-4. Incontro avanti tra botte e risposte immediate, fino al tentativo di fuga delle reggiane che vanno a "+3" su un muro vincente di Stefania Gozzi ed una palla oltre la riga scagliata con troppa potenza da Noemi Barbarini. Il Grissinbon Tecnocopie ha una reattiva Benedetti che schiaccia da ogni posizione e manda in affanno la ricezione valdardese; Alessia Testa è in ottima serata e va a recuperare alla sua maniera palloni difficili, ma il team di Gualdi non sta a guardare e gioca con dinamismo sotto rete dove il muro sa prendere il tempo agli attacchi di Francesconi, Barbarini e Sotera mettendo in cassaforte il 9-12. Valentina Guccione prova a scuotere le compagne mettendo giù il 10-13, ma le reggiane tengono il campo con disinvoltura e non mostrano timori reverenziali ed allora la panchina rossoblu prova la carta Ghisolfi, ma sono ancora Beatrice Francesconi e un muro vincente di Barbarini su Ilaria  Fanelli a rimettere in scia la Pavidea Selta che non riesce a completare la rimonta per una palla troppo lunga di Giulia Sotera (13-16). Amoros manda sul parquet Ada Magno a rilevare la schiacciatrice catanese, Stefania Gozzi manda fuori un servizio e Barbarini mette giù la palla del 15-16. La gara resta ad alto ritmo, il Grissinbon Tecnocopie tiene il vantaggio con una schiacciata imprendibile di Ilari Fanelli e per la Pavidea Selta le due lunghezze di "gap" diventano un incubo. Nicolini rileva Lorena Amasanti, in campo opposto Catellani va a dare un attimo di respiro a Cristina Losi, proprio mentre Marta Ghisolfi fa 17-18 e un missile di Lorena Amasanti manda in tilt il muro di Bandaogo e Fanelli (18-18). Raggiunto il pareggio, la Pavidea Selta manda Francesconi al sorpasso, ma è Margherita Catellani a firmare il 19-19 e il muro vincente di Alice Ferrari su Ada Magno il break del 20-22. Marta Ghisolfi manda oltre la riga una battuta, Benedetti mette a terra la palla del set ball e Beatrice Francesconi chiude sulla rete un attacco che consegna il set alle reggiane di Gualdi (22-25).
Si riparte ancora con il Grissinbon Tecnocopie molto reattivo che va in vantaggio con Margherita Catellani (1-2), ma tocca a Valentina Guccione l'onere di andare a chiudere il buco per il 3-3 e un errore in attacco di Fanelli dare il sorpasso alla Pavidea (4-3). Le rossoblu cominciano a prendere il ritmo dei tempi migliori, ma fanno fatica a togliersi dalla scia le reggiane che riescono sempre a recuperare con un muro molto solido che non consente a Barbarini di trovare spazi. Ci pensa allora Catellani e sbagliare la misura sotto rete e consentire alle fiorenzuolane il sorpasso e Stefania Gozzi il mini break con un errore sotto rete. Ma le reggiane sono vitalissime e non mollano giocando ogni pallone con attenzione: Ferrari vale il 7-7, Amasanti fa 8-8, Ferrari va al nuovo sorpasso e ancora Lorena Amasanti porta al pareggio (10-10). Incontro molto equilibrato e vivo, Ada Magno firma il 13-11, Valentina Guccione prima calibra male la sua potenza per il pareggio (13-13), poi rimediacon una "ace" da 15-13 che Ada Magno trasforma in 16-14. Le reggiane sono sempre incollate e diventano una ossessione per Fagioli e compagne che trovano un colpo tennistico con Lorena Amsanti e prendono coraggio: l'opposto diventa protagonista con un tris che vale la fuga (21-18), mentre Valentina Guccione dimostra di essere in serata di grazia mettendo a terra il 22-18. Il "-4" manda in tilt le reggiane che non riescono più ad essere lucide e sbagliano con Alice Ferrari; Gualdi manda sul parquet Eva Castagnetti e rilevare Ilaria Fanelli, ma il set è della Pavidea Selta che manda a punto Valentina Guccione per il pareggio (25-19).
Terzo atto e la Pavidea parte a mille: Guccione sale in cattedra e piazza quattro botte ed una "ace" che vogliono dire 7-2, il muro Ghisolfi-Francesconi chiude la porta a Stefania Gozzi, Sornieri e Gaddi non si capiscono e le rossoblu si trovano a "+7" (9-2). Adesso il Grissinbon Tecnocopie mostra di avere esaurito la benzina e vacilla sotto gli attacchi sempre più insistenti delle padrone di casa; il pubblico comincia a scaldarsi davanti alle performances rossoblu, Ghisolfi fa 12-4, Ada Magno costringe all'errore Sornieri, poi mette a segno una "ace" da 15-4. Gara ormai saldamente nelle mani della Pavidea Selta che gioca a memoria ed in scioltezza costringendo spessissimo all'errore le avversarie sempre più in difficoltà: Beatrice Francesconi quando colpisce fa male, Guccione non ha un attimo di pausa e il punteggio lievita (19-7). Gozzi manda fuori l'attacco da 20-7, Valentina Guccione vuole diventare top scorer della serata e fa doppietta, Francesconi mette giù il 23-9, Ghisolfi conclude a suo favore una lunga azione e Ada Magno chiude il conto (25-11).
Quarto atto subito in discesa per le valdardesi che si trovano sul 8-4 con Francesconi, Ghisolfi e Barbara Fagioli; Gualdi chiana un time, Stefania Gozzi vince un muro, Fagioli fa 9-5. Alessia Testa dà forfait, ma ormai la gara parla fiorenzuolano e tra un errore di Margherita Catellani ed una Guccione da oscar, la Pavidea Selta doppia le reggiane ormai sfiduciate e senza energie (14-7). Francesconi spara un proiettile per il 15-7, poi dà il cambio a Veronica Vignola che mette subito a segno una "ace" con la sua battuta a salto. Amoros rimanda in campo "Bea" Francesconi che fa immediatamente 19-11, Ghisolfi dilata il "gap" (21-13), Ada Magno vince un muro su Gozzi e Goffrini; il Grissinbon prova a replicare con due "aces" di Benedetti ed una palla troppo lunga di Marta Ghisolfi (23-18), ma Lorena Amasanti fa set ball e subito Beatrice Francesconi mette fine ai giochi (25-20). Pavidea Selta, squadra da 60.
Risultati della dodicesima giornata di ritorno: Pavidea Selta Fiorenzuola-Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia 3-1, Valpala N&W-Florens Vigevano 0-3, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia-Properzi Games Lodi 1-3, Anderlini Unicomstark Sassuolo-Bakery Gossolengo 1-3, Volley 2001 Garlasco-Pro Patria Milano 2-3, Texcart Città di Carpi-Vemac Vignola 2-3, Primedil Cost Seveso-Farmabios Sisa Gropello Cairoli 0-3.
Classifica: Bakery Gossolengo p.67, Pavidea Selta Fiorenzuola p.60, Farmabios Sisa Gropello Cairoli p.48, Properzi Games Lodi p.45, Volley 2001 Garlasco p.41, Florens Vigevano, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia p.39, Primedil Cost Seveso p.37, Pro Patria Milano p.33, Anderlini Unicomstark Sassuolo p.31, Vemac Vignola p.25, Valpala N&W p.23, Texcart Città di Carpi p.19, Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia p.18.
Bakery Gossolengo promosso in b/1, Pavidea Selta Fiorenzuola ai play offs. Per la seconda squadra che andrà agli spareggi restano in lizza Farmabios Sisa Gropello Cairoli e Properzi Games Lodi. Valpala N&W, Vemac Vignola, Texcart Città di Carpi e Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia retrocedono in serie C.
FRANCO BONATTI
 

giovedì 25 aprile 2013

PAVIDEA SELTA PROVE DI PLAY OFFS

Pavidea Selta, prove di play offs. Il campionato si avvia all'epilogo e le rossoblu fiorenzuolane si apprestano all'ultimo turno casalingo prima degli attesissimi play offs di metà maggio. Le ragazze di Omar Amoros e Simone Mazza danno l'arrivederci al pubblico che durante tutta la regular season le ha accompagnate, spronate, applaudite e sostenute anche nei momenti più difficili, ospitando sabato 27 aprile alle 21,00 la compagine reggiana del Grissinbon Tecnocopie, un confronto che servirà a Fagioli e compagne come prova generale in vista degli spareggi. Passo indietro doveroso: la Pavidea Selta sette giorni fa si è regalata l'ennesima serata da prima pagina, ha compiuto un altro capolavoro facendo suo il derby con la Bakery Gossolengo che, pur avendo già staccato il biglietto per la promozione diretta in B/1, aveva voglia di festeggiare e riscattare la sconfitta nella stracittadina del girone di andata. Le fiorenzuolane hanno messo in campo grande determinazione, grinta e tecnica durante tutte le quasi due ore di gara, contribuendo a rendere l'incontro spettacolare, incerto e interessante. Beatrice Francesconi si è fatta vedere come al solito in prima linea piazzando palloni imprendibili anche per la solida ricezione delle padrone di casa, ma va segnalata con piacere anche la prova convincente di Alessia Testa che, al rientro dopo l'infortunio, ha dato sicurezza a tutto il reparto difensivo, facendo capire di essere già avviata verso il completo recupero fisico, una certezza molto importante in vista della seconda e decisiva fase della stagione. Il resto è storia già scritta: il muro solido di Barbarini, Amasanti e Guccione, l'eleganza e ordine tattico di Barbara Fagioli, la reattività di Ada Magno, lo spirito di sacrificio di Giulia Palmira Sotera e la sicurezza data dalle "panchinare" che consente al tecnico Omar Amoros di potere gestire al meglio ogni situazione ed alternativa tattica. Un quadro generale che lascia spazio a pochissime ombre ed a moltissimi sorrisi per tentare un difficile, ma non impossibile salto di categoria.
Ma per pensare ai play offs c'è ancora un po' di tempo ed è inutile correre troppo, perchè c'è il finale della regular season da vivere ed onorare al meglio e c'è soprattutto l'ennesimo derby da affrontare. Non è un'altra stracittadina, questa volta non c'entrano parentele sportive, ma è comunque un incontro tra vicine di casa. Arriva al "Palamagni" il Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia, un sestetto ormai aritmeticamente già in serie C, ma in grado di rappresentare un interessante sparring partner da non sottovalutare. Le ragazze di Simone Gualdi e Paolo Remati avrebbero indubbiamente meritato una sorte migliore, ma non sono riuscite a dare continuità ai loro risultati e dopo una sola stagione devono dare l'addio alla B/2. Una triste realtà per la società nella quale è cresciuta la palleggiatrice della Nazionale e della Rebecchi Nordmeccanica Piacenza Francesca Ferretti, ma frutto di una serie di episodi non del tutto fortunati che hanno irrimedialmente lasciato il segno. Dal punto di vista tecnico, la compagine cara a patron Ferdinando Margini può contare su alcune individualità di alto spessore, prima tra tutte l'opposto Margherita Catellani, poi il centrale Eva Castagnetti, la ventitreenne schiacciatrice Stefania Gozzi e la palleggiatrice Cristina Losi, ma ci sono anche le seconde linee giovani ed interessanti che dimostrano la bontà di una scuola pallavolistica che si quantifica in oltre venticinque centri di avviamento sparsi su tutto il territorio della provincia. La gara di andata disputatasi al "Matilde di Canossa" il 12 gennaio, vide la Pavidea Selta tornare con una franca vittoria, ma le ragazze reggiane non fecero la figura della vittima designata, perchè in diverse occasioni seppero tenere testa, mettendo anche in evidenza un ottimo spirito agonistico e grande carica.
 Il programma della penultima giornata: Pavidea Selta-Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia (ore 21,00) (andata 3-0), Valpala N&W-Florens Vigevano (andata 0-3), Gramsci Pool Volley Reggio Emilia-Properzi Games Lodi (andata 3-0), Anderlini Unicomstark Sassuolo-Bakery Gossolengo (andata 0-3), Volley 2001 Garlasco-Pro Patria Milano (andata 3-1), Texcart Città di Carpi-Vemac Vignola (andata 0-3), Primedil Cost Seveso-Farmabios Sisa Gropello Cairoli (andata 0-3).
FRANCO BONATTI

domenica 21 aprile 2013

BAKERY GOSSOLENGO-PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA 1-3


BAKERY GOSSOLENGO-PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA 1-3 (20-25, 25-20, 21-25, 15-25).
BAKERY GOSSOLENGO: Arnoldi , Freni , Modena , Ronchetti, Prazzoli, Perrucci (L), Albertini , Brigati , Poggi (L2), Molinari. N.e. Alletti, Nartelli, Malvicini. All: Corraro. II° all. Biasetton.
PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA: Sotera , Barbarini , Amasanti , Testa (L), Francesconi , Fagioli , Guccione , Magno , Ghisolfi. N.e. Vignola, Nicolini, Risoli. All: Amoros. II° all. Mazza.
ARBITRI: Folugo e D'Ettorre di Milano.
Il derby parla ancora fiorenzuolano. La Pavidea Selta ha fatto il bis conquistando anche la gara di ritorno che è stata intensa, piacevole e giocata tra due formazioni di grandissimo spessore. La Bakery Gossolengo ha confermato, se ancora ce ne fosse bisogno, di meritare ampiamente il salto di categoria, dimostrandosi potente, solida e compatta in ogni reparto; le biancoblu valdardesi hanno dimostrato carattere, velocità, intelligenza ed equilibrio conquistando un successo ineccepibile.
Palanguissola gremito e vestito a festa per salutare la storica promozione della Bakery che scende in campo con la maglia bianca sulla quale risalta la scritta "B/1"; valdardesi nella tradizionale casacca bianca con inserti neri che si schiera con Sotera, Barbarini, Amasanti, Francesconi, Fagioli e Guccione con la recuperata Alessia Testa pronta ad entrare sul parquet. Il tecnico Franco Corraro sceglie un sestetto di grande potenzialità formato da Arianna Modena, Jenny Arnoldi e dalle "ex" Ronchetti, Brigati, Poggi e Albertini. E' subito gara vera, intensa, spumeggiante, la Pavidea Selta vuole regalarsi un'altra serata da protagonista e parte di slancio mettendo in evidenza un attacco potente ed una ricezione praticamente perfetta. La Bakery Gossolengo non riesce a prendere il ritmo giusto e deve subire le finalizzazioni di Beatrice  Francesconi e Lorena Amasanti che costringono all'errore a muro Vera Ronchetti (1-4). La Bakery Gossolengo non si scompone e gioca una pallavolo dagli alti contenuti tecnici che rendono la gara interessante ed incerta: Arnoldi scarica la sua potenza al di là della rete, il muro valdardese ha qualche incertezza, Chiara Brigati ci mette del suo e le distanze si accorciano (6-8). Amoros si rifugia in un time out ed al rientro la Pavidea Selta mette il turbo con Barbarini, Francesconi e Giulia Sotera per una fuga da 7-13. Tocca a Corraro correre ai ripari con un time provvidenziale che rimette ordine ed allora è Silvia Freni a portare punti con un muro che chiude la strada a Giulia Sotera e una schiacciata che manda in crisi Beatrice Francesconi. Arianna Modena mette giù un pallone difficile e il Bakery va a "-3" (11-14). Il derby sale di tono, le squadre si fronteggiano ad armi pari senza farsi regali; la Pavidea Selta ha una Francesconi in più e trascina le compagne verso un 12-17 che Barbarini incrementa vincendo il muro con Vera Ronchetti (12-18). La Bakery non molla, non si scoraggia e tiene il campo con la sicurezza della capolista: Giulia Sotera non controlla un pallone vagante, la solita Arianna Modena mette a terra un attacco velocissimo e le padrone di casa recuperano (16-19). Il pubblico si scalda, in campo si gira a mille, l'incontro resta incerto: Amoros avvicenda Giulia Sotera con Ada Magno, Beatrice Francesconi fa 17-22, Chiara Brigati manda lungo un attacco e consegna il set ball alla Pavidea Selta, Noemi Barbarini ringrazia e incrocia un pallone da strike (20-25).
Secondo atto subito intenso, senza pause, senza tempi morti. Il pubblico non si annoia, applaude, incita le protagoniste che sul parquet rispondono in moneta sonante: le valdardesi provano la fuga con un muro vincente di Barbarini, ma in campo opposto la Bakery replica con Silvia Freni che costringe all'errore Lorena Amasanti per il 2-2 e Giulia Sotera per il primo sorpasso (3-2). Adesso le padrone di casa hanno il ritmo giusto e si staccano con un attacco di Arianna Modena (5-2), ma un pallonetto di capitan Fagioli e una schiacciata di Giulia Sotera vogliono dire pareggio (5-5). Si va avanti a botta e risposta, gli attacchi spesso trovano le difese pronte, le ricezioni fanno salvataggi ai limite dell'impossibile. Una battuta di Barbara Fagioli manda in tilt Valentina Prazzoli, Amasanti colpisce a modo suo e fa 7-10, ma la fuga delle fiorenzuolane si interrompe sotto l'attacco arrembante della onnipresente Modena e su un errore di Valentina Guccione che rimette tutto in discussione (10-10). Tris di Beatrice Francesconi che vale il 10-13, ma ancora una volta il tentativo di staccarsi delle valdardesi non trova concretezza per un errore in battuta di Valentina Guccione ed una ricezione venuta male di Barbara Fagioli (14-14). Ci prova ancora la Pavidea con Sotera e Francesconi, poi Ada Magno manda lunga una battuta e Arianna Modena firma un altro sorpasso (17-16). Corraro gioca la carta Molinari a sostituire in battuta Silvia Freni, la Bakery vive momenti di gloria e procura dispiaceri alle rossoblu che si ritrovano ad inseguire (21-18). Arnoldi conclude a suo favore un attacco spettacolare, Ada Magno manda fuori un muro e la Bakery si guadagna un set ball che subito va in archivio ancora con la scatenata numero 1del team di Corraro (25-20).
Terzo set e la Pavidea Selta alza subito il ritmo, terreno che le si addice, Lorena Amasanti e un muro vincente di Beatrice Francesconi vale la fuga decisa delle rossoblu (7-10). Corraro chiama il break time e la Bakery ritrova ritmo, concentrazione ed una Jenny Arnoldi da 10-11. La Pavidea Selta tiene il campo senza scomporsi troppo ed ecco che Sotera, Amasanti e Guccione tentano di allargare il gap, ma la Bakery è sempre attenta e pronta a sfruttare ogni minima incertezza ed a colpire senza pietà con Arnoldi e Albertini (16-15). Alessia Testa non controlla un pallone, Arianna Modena piazza una botta vincente e fa 18-15, ma le padrone di casa non hanno fatto i conti con Beatrice Francesconi che va al pareggio e ridà coraggio alle compagne che si ritrovano e tengono il ritmo delle avversarie superandole con Lorena Amasanti che firma un set ball (21-24) e vince un muro che chiude il set (21-25).
Il quarto atto parla rossoblu, la Bakery vacilla e sbaglia qualcosa di troppo, così la Pavidea Selta prende un vantaggio di sicurezza con il solito trio Amasanti-Francesconi-Barbarini (1-7). Corraro cambia Prazzoli con Chiara Brigati, Sotera manda in crisi Jenny Arnoldi, Barbarini manda fuori una battuta, poi Amasanti fa 5-10. Gara sempre vivace ed interessante, Amoros manda in campo Ada Magno concedendo un po' di respiro a Giulia Sotera, Lorena Amsanti vale un 6-11, Barbara Fagioli la imita per il 7-12 e un muro di Valentina Guccione bissato da un attacco imprendibile di Ada Magno fanno 10-16. La gara entra nel vivo, il tecnico Amoros dà consigli e la Pavidea Selta vola spedita lasciandosi alle spalle una Bakery un po' annebbiata che perde colpi e terreno scivolando velocemente a nove lunghezze (13-22). Le rossoblu valdardesi sentono vicina la vittoria e danno la spallata decisiva: Beatrice Francesconi fa 15-23, Valentina Guccione piazza la botta da set ball e Ada Magno chiude il conto (\15-25). Les jeux sont fait, rien ne va plus. Bel derby, meravigliosa Pavidea.
Risultati della undicesima giornata del girone di ritorno: Pro Patria Milano-Anderlini Unicomstark Sassuolo 3-2, Bakery Gossolengo-Pavidea Selta Fiorenzuola 1-3, Florens Vigevano-Volley 2001 Garlasco 3-2, Properzi Games Lodi-Grissinbon Tecnocpoie Reggio Emilia 3-0, Vemac Vignola-Primedil Cost Seveso 3-0, Farmabios Sisa Gropello Cairoli-Texcart Città di Carpi 3-0, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia-Valpala N&W 3-1.
Classifica: Bakery Gossolengo p.64, Pavidea Selta Fiorenzuola p.57, Farmabios Sisa Gropello Cairoli p.45, Properzi Games Lodi p.42, Volley 2001 Garlasco p.40, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia p.39, Primedil Cost Seveso p.37, Florens Vigevano p.36, Pro Patria Milano, Anderlini Unicomstark Sassuolo p.31, Valpala N&W, Vemac Vignola p.23, Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia, Texcart Città di Carpi p.18.
Bakery Gossolengo promosso aritmeticamente in B/1, la seconda e la terza vanno ai play offs. Valpala N&W, Vemac Vignola, Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia e Texcart Città di Carpi retrocedono in serie C.
FRAN CO BONATTI

venerdì 19 aprile 2013

FINALMENTE CI SIAMO ECCO SUA MAESTA' IL DERBY

Finalmente ci siamo. Atteso quattro lunghi mesi, da sempre acclamato, arriva la madre di tutte le partite, la gara senza pronostico e dalle mille emozioni e motivazioni, uno di quei confronti al quale nemmeno chi è infortunato vorrebbe mancare: sua maestà il derby. Sabato 20 aprile alle 18,15 il parquet del "Palanguissola" di Piacenza sarà il palcoscenico del testa a testa tra Bakery Gossolengo e Pavidea Selta, due compagini che hanno interpretato la loro stagione nel modo migliore, scavando tra loro e le avversarie un solco incolmabile, segno di forza e determinazione. La Pavidea Selta arriva all'esame contro le "cugine" sulla scia di una vittoria importantissima, sia perchè arrivata dopo due sconfitte consecutive ed al cospetto di un Florens Vigevano dinamico, compatto e deciso a incamerare punti per continuare a colvare qualche speranza di accedere ai play offs, ma soprattutto perchè ottenuta al termine di una settimana difficile e movimentata culminata con il cambio di guida tecnica passata da Giuseppe Cremonesi a Walter Omar Amoros; il Bakery Gosslengo, dal canto suo, sette giorni fa ha sbancato il palasport di Carpi e staccato aritmeticamente il biglietto per la promozione in B/1 e, sorretto dal proprio pubblico, proverà a riscattere la sconfitta secca e amara arrivata nella gara di andata al "Palamagni", rimasta ancora l'unica macchia in un campionato da incorniciare.
Contro il Florens Vigevano, le rossoblu fiorenzuolane hanno tirato fuori dall'armadio l'abito dei tempi migliori gettando sul parquet rabbia, agonismo, grinta, carica emotiva, ma anche un pizzico di intelligenza non lasciandosi prendere dal panico quando le biancorosse pavesi hanno alzato la voce accumulando un vantaggio consistente. Sofia Risoli, all'esordio dal primo minuto, ha svolto il compito del "libero" al meglio, sbagliando pochissimo e trovandosi pronta ed al posto giusto nei momenti più importanti, non facendo così  pesare troppo l'assenza di una pedina fondamentale come Alessia Testa; al resto ci hanno pensato le compagne trascinate dalla ormai inscindibile premiata ditta "Francesconi-Amasanti-Barbarini s.p.a", andata in doppia cifra e capace di mettere ordine e dare tranquillità al tutto il gruppo; il tecnico Walter Omar Amoros ha raccolto la eredità lasciatagli da Giuseppe Cremonesi senza stravolgere e cancellare il suo proficuo lavoro, ma soltanto aggiustando un po' il tiro e dando alle ragazze quella fiducia e sicurezza necessarie dopo un trend negativo che non aveva portato punti. Il testa a testa tra titani di sabato pomeriggio, porta con sè anche motivazioni del tutto particolari, perchè in campo con la maglia della Bakery Gossolengo ci saranno Chiara Brigati, Vera Ronchetti, Valentina Prazzoli, Anastasia Alletti, Virginia Poggi e Rossella Albertini che intrpreteranno il ruolo delle "ex" per avere vestito fino allo scorso anno la casacca rossoblu. Insomma Bakery-Pavidea Selta è un confronto che fa storia a sè, che esce dai binari della logica, che nessuno vuole perdere: all'andata la Pavidea Selta giocò la gara perfetta meritando ampiamente la vittoria e adesso, facendo leva sul ritrovato entusiasmo, proverà a ripetersi; al di là della rete il team di Franco Corraro e del presidente  Maurizio Beccari vuole festeggiare al meglio la storica promozione in B/1 e "vendicare" magari con gli interessi quel primo set perso 25-7 che, oltre a fare notizia, brucia tantissimo. Squillino le trombe, entrino le squadre. Avanti, non spingete. C'è posto per tutti. Prego, signori, accomodatevi. Lo spettacolo è assicurato.
Il programma della undicesima giornata del girone di ritorno: Pro Patria Milano-Anderlini Unicomstark Sassuolo (andata 1-3), Bakery Gossolengo-Pavidea Selta Fiorenzuola (ore 18,15) (andata 0-3), Florens Vigevano-Volley 2001 Garlasco (andata 0-3), Properzi Games Lodi-Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia (andata 3-2),  Vemac Vignola-Primedil Cost Seveso (andata 1-3), Farmabios Sisa Gropello Cairoli-Texcart Città di Carpi (andata 0-3), Gramsci Pool Volley Reggio Emilia-Valpala N&W (andata 0-3).
FRANCO BONATTI

domenica 14 aprile 2013

PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA-FLORENS RE MARCELLO VIGEVANO 3-0

PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA-FLORENS RE MARCELLO VIGEVANO 3-0 (26-24, 25-22, 26-24).
PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA: Sotera 6, Vignola, Barbarini 11, Amasanti 12, Risoli (L), Francesconi 12, Fagioli 1, Ghisolfi 1, Guccione 7, Magno 5. Testa (L 2) n.e. Nicolini n.e. All: Amoros. II° all. Mazza.
FLORENS RE MARCELLO VIGEVANO: Arapi 9, D'Angelo 3, Ganz 15, Mantegazza 4, Quatrale (L), Rossi 4, Stellin 8, Valdieri 7. N.e. Lion, n.e. Mercorillo, n.e. Pratesi. All: Bernardini II° all. Ricci.
ARBITRI: Lazzari e Fratellini di Bologna.
Questa volta dopo il due non viene il tre, perchè la Pavidea Selta si lascia alle spalle due sconfitte consecutive e torna alla vittoria rifilando un secco tre a zero ad un Florens Vigevano che è arrivato in Valdarda consapevole della propria forza e caricatissimo per provare a fare il colpo gobbo. L'incontro è stato ricco di agonismo ed ha avuto momenti di puro spettacolo che hanno entusiasmato il pubblico e aumentato il risvolto tecnico: di fronte c'erano due formazioni che, per opposti motivi, dovevano cercare punti, le fiorenzuolane avevano bisogno di interrompere il trend negativo e cominciare nel modo migliore il dopo-Cremonesi; il Florens Vigevano doveva continuare a coltivare speranze concrete di agganciare la coda del treno che porta ai play offs e quindi non ha svolto il ruolo della vittima, ma ha tenuto vivo fino all'ultimo pallone il punteggio uscendo dal "Palamagni" con qualche rimpianto, ma a testa alta.
Ancora out Alessia Testa per un problema fisico, sul parquet scendono Francesconi, Guccione, capitan Fagioli, Sotera, Amasanti e Sofia Risoli a fare il "libero", mentre in campo opposto Bernardini sceglie Mantegazza, Ganz, Arapi, Valdieri, Stellin ed il "libero" Quatrale, un sestetto che si rivela molto equilibrato e solido a muro, gettando subito in campo determinazione e potenza delle singole. La Pavidea Selta ha fretta di mettere punti in dispensa ed ecco allora che Valentina Guccione conclude con un pallone imprendibile un attacco e fa 2-0, ma le pavesi hanno una ricezione che non perde troppi colpi e tengono la scia delle rossoblu con azioni veloci portate dalla coppia Arapi-Ganz ed il punteggio torna in perfetta parità. La Pavidea Selta insiste ed Amoros dalla panchina dà consigli che in campo si trasformano in punti pesanti grazie a Francesconi ed Amasanti che firma un break (5-2). Il Florens non molla la presa e si riporta sotto con una "ace" di Tiziana Mantegazza, alla quale risponde subito con la stessa moneta Valentina Guccione, prima che Sotera litighi con un pallone vagante e consenta alle lombarde il sorpasso (6-7). Incontro vivo, intenso ed incerto, le squadre rispondono colpo su colpo e il punteggio si fa interessante: Amasanti porta la Pavidea Selta sul 7-7, il muro lombardo respinge con sicurezza l'attacco di Giulia Sotera e il Florens mette la freccia. E' il momento migliore per il team di Bernardini che si trova a meraviglia e mette a segno un corposo break portandosi a "+3" (7-10). La Pavidea Selta ha qualche minuto di smarrimento in ricezione e apre la strada alle biancorosse che fanno la voce grossa con Stellin, Arapi, Valdieri e la solita Micaela Ganz e doppiano le valdardesi (8-16). Arriva puntuale il time out di Amoros che rimette un po' di ordine nei pensieri fiorenzuolani e la Pavidea Selta torna in campo più compatta e sicura mettendo in cascina un parziale di 5-0 che riporta il punteggio in bilico. Questa volta è il Florens Vigevano a sentirsi mancare la terra sotto le scarpette e balbetta su qualche pallone scagliato con forza oltre il nastro da Lorena Amasanti, Fagioli firma una ace da 18-18 e Valentina Guccione vince un muro su Arapi e D'Angelo per il controsorpasso (19-18). Francesconi ha voglia di confermarsi "top scorer" e spara un proiettile che piega le mani a Valeria Quatrale firmando il 21-18, ma il Florens Re Marcello non demorde e, anche se con un po' di fatica, tiene il passo con Ganz e Mantegazza (22-20). Valdieri manda oltre la riga un attacco e consegna un set ball alle padrone di casa che non riescono a chiudere per un paio di ricezioni andate male e si ritrovano sul 24-24. La Pavidea Selta non si perde d'animo e tira fuori le energie rimaste mandando a punto Giulia Sotera e chiudendo il set con Lorena Amasanti (26-24).
Si riparte con il solito equilibrio e l'incontro si fa sempre più interessante, poi improvvisamente il Florens Vigevano trova sprazzi di gloria e mette a segno una "ace" con Mantegazza, Valdieri e Ganz replicano e la Pavidea Selta va sotto 1-6. Amoros chiama il time ed ecco che tocca a Valentina Guccione interrompere la striscia positiva della avversarie col 3-6 che subito Micaela Ganz annulla mettendo a terra un attacco (3-8). La Pavidea Selta gioca con intensità e coraggio facendo leva sul tasso tecnico ed è Lorena Amasanti a mettere in difficoltà Caterina Valdieri per il 6-9, ma il recupero rossoblu si interrompe subito per gli attacchi vincenti portati da Seda Arapi e Caterina Valdieri (7-12). Fasi di gioco altamente spettacolari con palloni recuperati a pochi millimetri dal parquet e attacchi potenti; le fiorenzuolane si rimettono in carreggiata con Ada Magno ed un attacco troppo lungo di Arapi portandosi sul 9-12, poi tocca a Sotera e Guccione stringere la forbice e costringere all'errore Caterina Valdieri per il 13-13. Ancora punteggio in bilico, perchè il team di Marco Bernardini è in ottima serata e va al nuovo sorpasso con Arianna Rossi, ma Sotera pareggia e Noemi Barbarini fa break (18-16). Ada Magno si fa vedere sotto rete e mette a segno una doppietta che consolida il vantaggio rossoblu (21-18), ma in campo opposto non cala la tensione emotiva e prima Valdieri fa 21-19, poi una ricezione sporca di Barbara Fagioli vale il 21-20. Ancora un time per la panchina della Pavidea Selta che torna in campo con le idee più lucide e con Ada Magno capace di un'altra performance di alto livello che apre la strada al rush finale firmato da Noemi Barbarini che fa set ball e da un errore in battuta di Caterina Valdieri per il 25-22.
Terzo atto che comincia ancora con la fuga delle pavesi su errori nella ricezione (1-5), poi Amasanti e Francesconi iniziano il recupero che si concretizza con il sorpasso firmato da Noemi Barbarini (8-7). La Pavidea Selta adesso ha la marcia alta e per il Florens la serata diventa difficile: Giulia Sotera piega le mani a Sara Stellin e Lorena Amsanti piazza una "ace" da 12-8. Sofia Risoli ha una incertezza in ricezione, ma Francesconi rimedia subito per il 12-9 che un attacco lungo di Valeria Mantegazza dilata (13-9). Ada Magno costringe all'errore in ricezione Laura D'Angelo e Barbarini fa 14-11, poi la Pavidea tira il fiato e consente al Florens di riavvicinarsi con un errore in battuta di Veronica Vignola e un attacco out di Francesconi (14-13). Le lombarde prendono un po' di coraggio quando Valentina Guccione forza troppo un pallone e regala il 14-14, ma ci pensa ancora Beatrice Francesconi con una ace a rimettere tutto a posto (17-15). La gara decolla, Valdieri sbaglia la misura e fa 18-16, Magno la imita per il 18-18, Micaela Ganz e una ace di Caterina Valdieri portano il Florens al vantaggio (18-20), Lorena Amasanti firma il 20-20. Le squadre girano a ritmi altissimi e non risparmiano colpi: Amasanti risponde ad una scatenata Ganz con il 21-21 e Barbarini prima va al sorpasso e poi mette a segno il break del 23-21. Ma le emozioni non sono finite, perchè Laura D'Angelo pareggia, Barbarini manda fuori un muro e porta il Florens Vigevano al sorpasso (23-24) ed allora tocca alla insuperabile Beatrice "martello" Francesconi mettere a segno un tris d'assi che mandano kappaò il Florens (26-24). Le lombarde piangono e salutano i play offs, la Pavidea Selta brinda al nuovo corso. Cameriere, champagne.
Risultati della decima giornata di ritorno: Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia-Pro Patria Milano 0-3, Texcart Città di Carpi-Bakery Gossolengo 1-3, Pavidea Selta Fiorenzuola-Florens Vigevano 3-0, Volley 2001 Garlasco-Properzi Games Lodi 2-3, Primedil Cost Seveso-Gramsci Pool Volley Reggio Emilia 3-0, Valpala N&W-Farmabios Sisa Gropello Cairoli 1-3, Anderlini Unicomstark Sassuolo-Vemac Vignola 3-0.
Classifica: Bakery Gossolengo p.64, Pavidea Selta Fiorenzuola p.54, Farmabios Sisa Gropello Cairoli p.42, Properzi Games Lodi, Volley 2001 Garlasco p.39, Primedil Cost Seveso p.37, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia p.36, Florens Vigevano p.34, Anderlini Unicomstark Sassuolo p.30, Pro Patria Milano p.29, Valpala N&W p.23, Vemac Vignola p.20, Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia, Texcart Città di Carpi p.18.
La prima sale direttamente in B/1, la seconda e la terza vanno ai play offs. Le ultime quattro clasificate scendono in serie C.
FRANCO BONATTI

mercoledì 10 aprile 2013

PAVIDEA SELTA. PROVE DI DERBY

Pavidea Selta, prove di derby. Il campionato consuma la decima giornata del girone di ritorno e per le rossoblu  si prospetta un turno casalingo che potrà servire sia per riscattare la battuta d'arresto arrivata sabato scorso sul parquet di Reggio Emilia, sia come rodaggio in vista del derby con la capolista Bakery Gossolengo previsto fra sette giorni in terra piacentina. La Pavidea Selta è tornata dalla trasferta contro il Gramsci Pool Volley Reggio Emilia masticando bocconi amarissimi, ma può vedere il bicchiere mezzo pieno per essere riuscita a staccare anche dal punto di vista aritmetico il biglietto per i play offs: a quattro turni dal termine della regular season, i tredici punti di vantaggio sulla quarta in classifica sono un margine che mettono al riparo da ogni sorpresa e quindi le fiorenzuolane possono gestire al meglio il loro futuro, concentrandosi sugli spareggi che diventano la chiave di volta della stagione portando nuovi stimoli e motivazioni. Sul parquet del "Sandro Pertini" le valdardesi hanno messo impegno, coraggio e determinazione, ma hanno peccato in continuità, finendo per cedere il passo ad una formazione motivatissima che ha saputo fare tesoro degli errori altrui per conquistare tre punti fondamentali per la classifica. Beatrice Francesconi ha cercato in diverse circostanze di dettare i giusti ritmi, Giulia Sotera ha vestito gli eleganti abiti dell'ex di turno dando il suo prezioso contributo anche in ricezione, ma le loro prestazioni sopra le righe non sono bastate a cambiare volto alla gara diventata presto una salita molto difficile da scalare. Archiviata la infruttuosa trasferta reggiana, il team Fiorenzuolano guarda all'immediato che si quantifica nel confronto con il Florens Re Marcello Vigevano, un sestetto che sta interpretando il finale di stagione con il vento in poppa e coltiva ancora concrete speranze di entrare nel giro play offs e perciò sabato 13 aprile alle 20,30 scenderà al "Palamagni" giocando carte importanti per il futuro. D'altra parte il team lombardo ha un passato dalle grandi tradizioni che cominciano nel 2007 con l'esordio in B/1 ed il sesto posto in campionato, oltre alla qualificazione per Final Four della Coppa Italia disputatesi a Benevento, culminando poi nel 2009 con la conquista dei play offs per la promozione in A/2. La compagine di Marco Bernardini e Fabio Ricci, come detto, è ancora in corsa per acciuffare il treno degli spareggi ed ha un organico dalle grandi potenzialità dove spiccano la "banda" Caterina Valdieri, le "centrali" Seda Arapi e Micaela Ganz, la capitana Sara Stellin, la palleggiatrice Tiziana Mantegazza ed il jolly Arianna Rossi che, dopo la classica gavetta consumata nelle giovanili, è approdata in prima squadra dimostrando ottime qualità tecnico agonistiche. Avversario indicatissimo per costringere le valdardxesi a tenere alto il livello di concentrazione e giocare con quella intelligenza tattica che è stata la chiave di volta di una stagione sugli scudi e dove le pause si sono contate sulla punta delle dita. La gara di andata vide la Pavidea Selta conquistare una vittoria al tie break al termine di un confronto intenso, gagliardo e pieno di emozioni, perchè a dimostrazione della caratura delle lombarde, le rossoblu fiorenzuolane dovettero impegnarsi al massimo per recuperare lo svantaggio di due set a uno e capovolgere a proprio favore il confronto con un quinto set vinto 15-11.
Il programma della decima giornata del girone di ritorno: Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia-Pro Patria Milano (andata 1-3), Texcart Città di Carpi-Bakery Gossolengo (andata 0-3), Pavidea Selta Fiorenzuola-Florens Re Marcello Vigevano (ore 20,30) (andata 3-2), Volley 2001 Garlasco-Properzi Games Lodi (andata 2-3), Primedil Cost Seveso-Gramsci Pool Volley Reggio Emilia (andata 1-3), Valpala N&W-Farmabios Sisa Gropello Cairoli (andata 0-3), Anderlini Unicomstark Sassuolo-Vemac Vignola (andata 0-3).
FRANCO BONATTI

domenica 7 aprile 2013

GRAMSCI POOL REGGIO EMI.LIA-PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA 3-1

GRAMSCI POOL REGGIO EMI.LIA-PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA 3-1 (23-25, 25-22, 25-23, 25-18).
PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA: Francesconi p.19, Sotera p.13, Guccione p.10, Barbarini p.9, Amasanti p.9, Fagioli p.5, Ghisolfi p.2, Magno (L), Risoli. N.e. Vignola, n.e. Ziliani, n.e. Testa.All: Cremonesi. II° all. Mazza.
Seconda sconfitta consecutiva per la Pavidea Selta tornata dalla impegnativa trasferta di Reggio Emilia masticando bocconi amari per una battuta d'arresto arrivata dopo quattro set tirati ed appassionanti che le padrone di casa hanno saputo volgere a loro favore alla distanza mostrando maggiore continuità. Gara già alla vigilia in salita per le fiorenzuolane costrette a rinunciare al prezioso apporto di Alessia Testa e Luisa Nicolini appiedate da un infortunio, mentre dalla parte opposta c'è un sestetto reggiano carico per tentare di entrare nel giro play offs; ma il team di Giuseppe Cremonesi va oltre le oggettive difficoltà impostando subito la gara al meglio e presentando nel ruolo di libero Ada Magno con Ghisolfi dal primo minuto al posto di Noemi Barbarini. Alti i ritmi dell'incontro e terreno favorevole alla Pavidea Selta che è decisa e tonica quanto basta per mettere sotto le ragazze di Ivano Caffagni che soffrono gli attacchi di Francesconi e Sotera, ma non si fanno staccare tenendo botta ed approfittando anche di ricezioni non ottimali e di qualche incertezza a muro. Punteggio quindi in bilico con le valdardesi che vanno sull'8-7 al primo time out. Al rientro sul parquet il Gramsci Pool sbaglia un paio di servizi e favorisce un mini break rossoblu che si quantifica in un 16-16 quando arriva il secondo tempo tecnico. Le squadre si danno cavallerescamente battaglia rendendo il confronto appassionante e ricco di momenti spettacolari, la Pavidea Selta gioca meglio e sotto rete diventa micidiale piazzando un paio di attacchi vincenti che valgono il 23-20. Le reggiane cercano la reazione provando a cambiare assetto tattico, ma trovano davanti a loro un avversario in ottima serata che riesce anche a respingere il colpo di coda arrivato col 23-23, con l'ingresso in campo di Noemi Barbarini a rilevare Marta Ghisolfi per alzare il muro che subito fa punto chiudendo il set (23-25).
Seconda partita con la Pavidea Selta che perde un po' lo smalto dell'inizio, ma riesce a supplire con il maggiore tasso tecnico delle singole e con alcuni attacchi efficaci che impediscono alle reggiane la fuga. Il Gramsci Pool, però, alla distanza aggiusta il tiro e mette a segno un paio di offensive che portano punti e morale (10-8). La Pavidea Selta non ci sta e prova a risalire la corrente sfruttando i recuperi di Giulia Sotera, all'apporto Noemi Barbarini, entrata sul 15-14 al posto di Marta Ghisolfi,  ed a Lorena Amasanti che firma il sorpasso (16-15). Le padrone di casa reagiscono e arrivano al pareggio, Ivano Caffagni opera un cambio in battuta e la Pavidea Selta subisce un break da 19-17 commettendo errori in ricezione, Bea Francesconi vince un muro e riporta il punteggio in parità, poi si ripete con un missile dei suoi che dà un po' di respiro alle rossoblu, ma il Gramsci Pool non molla la presa e con un paio di muri fortunati chiude il set 25-22.
Uno a uno e si riparte con la panchina fiorenzuolana che gioca la carta Barbarini titolare, ma le reggiane volano su errori in ricezione che portano ad un clamoroso 5-0. Il tecnico Cremonesi chiama un time out, ma la squadra non si scuote molto, nonostante Beatrice Francesconi prenda per mano le compagne cercando di dare carica e fiducia: le rossoblu non riescono a trovare il ritmo giusto, in campo regna la paura di sbagliare e le padrone di casa ne approfittano con decisione mettendo in campo grinta, coraggio e attacchi efficacissimi da 16-10. Time out per la panchina fiorenzuolana ed al ritorno in campo sembra arrivare qualche segnale positivo, perchè Noemi Barbarini mette a segno due punti consecutivi che riducono il "gap". Cambio in casa Pavidea Selta con Sofia Risoli a rilevare Lorena Amasanti, ma il Gramsci Pool tiene il campo con maggiore continuità e resta a distanza di sicurezza; le fiorenzuolane reagiscono con orgoglio giocando palle veloci che mandano a punto Lorena Amasanti e mandano in confusione le avversarie per il 23-21. Caffagni chiede un time che si rivela decisivo, perchè il Gramsci Pool riesce a replicare al pareggio firmato da Beatrice Francesconi e piazza la spallata finale con un pallonetto imprendibile per la ricezione valdardese (25-23).
Quarto atto nel quale la Pavidea Selta perde subito il ritmo ed affida alla solita onnipresente Francesconi l'onere di mettere a terra palloni pesanti, il Gramsci Pool però ha un attimo di smarrimento e concede spazi alle rossoblu che, prima riescono a pareggiare grazie alle chiusure a muro di  Noemi Barbarinie, poimettono la freccia con un uno-due di Giulia Sotera (11-12). Gara sempre equilibrata e dai ritmi altissimi, le reggiane hanno un pizzico di velocità in più e vanno al controsorpasso al secondo time out. La Pavidea Selta sgtringe i denti, ma la ricezione non è efficace ed il Gramsci Pool si stacca (21-16). Cremonesi prova a mettere ordine con il time out, ma la gara è ormai tutta in salita per la Pavidea Selta che, nonostante impegno, coraggio e determinazione finisce per cedere le armi (25-18).
I risultati della nona giornata del girone di ritorno: Properzi Games Lodi-Pro Patria Milano 3-1, Bakery Gossolengo-Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia 3-0, Florens Vigevano-Anderlini Unicomstark Sassuolo 3-0, Farmabios Sisa Gropello Cairoli-Volley 2001 Garlasco 3-0, Primedil Cost Seveso-Texcart Città di Carpi 3-0, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia-Pavidea Selta Fiorenzuola 3-1, Vemac Vignola-Valpala N&W 0-3.
Classifica: Bakery Gossolengo p.61, Pavidea Selta Fiorenzuola p.51, Farmabios Sisa Gropello Cairoli p.39, Volley 2001 Garlasco p.38, Properzi Games Lodi p.37, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia p.36, Florens Vigevano, Primedil Cost Seveso p.34, Anderlini Unicomstark Sassuolo p.27, Pro Patria Milano p.26, Valpala N&W p.23, Vemac Vignola p.20, Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia, Texcart Città di Carpi p.18.
La prima è promossa in B/1, la seconda e la terza vanno ai play offs. Le ultime quattro retrocedono in serie C.
FRANCO BONATTI

giovedì 4 aprile 2013

SAM X SEMPRE 6


  • Sam x sempre 6....sono passati 5 anni ma sei sempre nei ns. cuori....sabato 6/4 non riuscendo a commemorarti con una messa, ci ritroveremo con chi vorrà ricordare, al cimitero di Alseno alle ore 11.30 per un momento di preghiera

mercoledì 3 aprile 2013

PAVIDEA SELTA, COMINCIA LA VOLATA FINALE

Pavidea Selta, comincia la volata finale. Trascorsa la sosta pasquale imposta dal calendario, ricominciano i bagher e le schiacciate con la nona giornata del girone di ritorno che propone alle rossoblu di Giuseppe Cremonesi una trasferta dai risvolti interessanti per le ripercussioni che potrà avere sulla  classifica. Fagioli e compagne saranno di scena sabato 6 aprile alle 21,00 sul parquet del palasport "Sandro Pertini" di Reggio Emilia ospiti del Gramsci Pool in un confronto che si preannuncia molto equilibrato e dagli elevati contenuti agonistici. Le rossoblu fiorenzuolane arrivano al derby della via Emilia reduci dalla brusca frenata casalinga contro il coriaceo Properzi Games Lodi che ha saputo giocare sopra le righe confermando la sua solidità e dimostrandosi più reattivo nei momenti decisivi. Una battuta d'arresto amara per il team valdardese, ma anche un altro punto di partenza per costruiire un immediato futuro ricco di soddisfazioni: la Pavidea Selta è ad una sola lunghezza dalla conquista aritmetica dei play offs ed esoprattutto cco allora che il testa a testa con le reggiane può diventare fondamentale per staccare il biglietto verso gli spareggi promozione e centrare l'obiettivo stagionale. Le reggiane del presidente Alfredo Bizzarri, dal canto loro, sulla scia della vittoria al tie break arrivata sul parquet di Carpi, si sono accomodate sul sesto gradino della classifica a cinque punti dall'ultimo posto utile per il passaggio alla seconda fase ed è fin troppo evidente quanto il team della coppia Ivano Caffagni-Andrea Orlandini cercherà soprattutto di sfruttare al meglio il fattore campo per continuare a coltivare la speranza play offs. Bastano questi presupposti per annoverare il confronto di sabato prossimo tra quelli "di cartello", quelli dove ogni errore può costare molto caro e quindi sia la Pavidea Selta che il Gramsci Pool Volley non potranno concedersi pause e cali di concentrazione.
Il team reggiano rappresenta una grande realtà del panorama pallavolistico nazionale nel pieno rispetto della tradizione emiliana e lo ha confermato anche nella gara di andata giocatasi al "Palamagni" il 15 dicembre 2012 quando il Gramsci Pool compì l'impresa di sbancare al tie break il parquet valdardese, infliggendo alle rossoblu di Giuseppe Cremonesi la prima sconfitta stagionale che costò anche il primato in classifica. I tecnici Caffagni ed Orlandini possono contare su un organico che nel tempo si è amalgamato acquistando carattere e fiducia nei propri mezzi e hanno a disposizione diverse alternative tattiche con le quali sono in grado di mescolare le carte e non dare troppi punti di riferimento agli avversari. Le schiacciatrici Tiziana Fioroni e Francesca Bonfiglio, i "centrali" Ilaria Righelli e Chiara Torelli e il "libero" classe 1985 Lucilla De Luca continuano a fare da trascinatrici e in ogni gara sanno sempre offrire prestazioni di altissimo livello con le quali riescono a mettere in difficoltà qualsiasi avversario. Un motivo in più di preoccupazione per la Pavidea Selta che avrà dalla sua parte il maggiore tasso tecnico delle singole, E la voglia di riscatto.
Il programma della nona giornata di ritorno: Properzi Games Lodi-Pro Patria Milano (andata 3-2), Bakery Gossolengo-Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia (andata 3-0), Florens Vigevano-Andrlini Unicomstark Sassuolo (andata 3-2), Farmabios Sisa Gropello Cairoli-Volley 2001 Garlasco (andata 1-3), Primedil Cost Seveso-Texcart Città di Carpi (andata 3-1), Gramsci Pool Volley Reggio Emilia-Pavidea Selta Fiorenzuola (ore 21,00) (andata 3-2), Vemac Vignola-Valpala N&W (andata 0-3).
FRANCO BONATTI