giovedì 28 febbraio 2013

PAVIDEA SELTA CUORE MUSCOLI E CERVELLO


Pavidea Selta, cuore, muscoli e cervello. Il successo ottenuto contro le carpigiane del Texcart, si può spiegare con il titolo di un cd inciso da Enrico Ruggeri: le ragazze di Cremonesi hanno avuto il cuore per superare lo schock e la delusione per avere perso il primo set, hanno mostrato intelligenza per non abbattersi ed hanno anche mostrato i muscoli e la potenza delle singole che ha fatto da ago della bilancia per tutta la durata del confronto. Un mix di situazioni che ha confermato, se ancora ce ne fosse bisogno, lo spessore e la carica caratteriale di Fagioli e compagne che hanno sempre creduto nelle loro possibilità di recuperare il risultato, anche dopo quel primo set decisamente poco fortunato. Una vittoria importantissima per il futuro delle valdardesi che devono sempre cercare di ottenere il massimo. D'altra parte il Texcart Città di Carpi si è confermato un ostacolo ostico e duro da abbattere in virtù della sua solidità a muro e della velocità di esecuzione messa in evidenza dalle singole che, alla fine, si sono dovute arrendere alla maggiore determinazione, esperienza e compattezza delle rossoblu ancora una volta meritevoli di elogi. Con una Lorena Amasanti impiegata soltanto in uno scampolo del primo set, il tecnico Giuseppe Cremonesi ha saputo trovare le giuste alternative, trovando in Ada Magno una pedina fondamentale per gli equilibri tattici e un punto di riferimento importantissimo nei momenti più delicati del confronto, mentre la capitana Barbara Fagioli ha messo una volta di più in campo la sua esperienza dettando i tempi ed i ritmi giusti alle compagne che, superato il momento di smarrimento e smaltita la rabbia per la prima frazione di gioco gettata al vento, si sono ritrovate in solidutà recuperando con gli interessi il terreno perduto e finendo in gloria. Un'altra gara va dunque in dispensa portando con sè soddisfazione, fiducia e tranquillità, componenti che diventeranno utilissime nell'immediato futuro per la corsa ai play offs.
Archiviato col massimo risultato il doppio turno casalingo, le rossoblu tornano ad assaggiare il sapore della trasferta che le vedrà sabato 2 marzo alle 21,00 scendere sul parquet della palestra comunale di Paladina in provincia di Bergamo dove troveranno ad attenderle la formazione del Valpala N&W, per dare vita ad un confronto che si annuncia interessante e ricco di agonismo.  Le "rosse" bergamasche, reduci dalla battuta di arresto subita a Garlasco, sono precipitate in zona retrocessione e stanno incontrando parecchi problemi nella gestione delle partite, ma di fronte al loro pubblico sanno trovare motivazioni e carica per dare del filo da torcere ad ogni avversario e non saranno sicuramente disposte a inchinarsi tanto facilmente nemmeno al cospetto della seconda della classe. Il team allenato da Luca Rovaris e Andrea Lorenzi è giovane, ma sa tenere il campo con disinvoltura facendo leva su una carica agonistica portata ai massimi livelli e affidandosi ad un organico armonico guidato dal "centrale" Mary Bernasconi che fa da punto di riferimento per le "banda" Eleonora Giupponi ed Emilia Ferrari, per la palleggiatrice Giulia Consonni e l'opposto Daniela Morstabilini che nella gara di andata si distinse per rapidità e tecnica mettendo a segno 12 punti.
Il programma della quinta giornata di ritorno: Properzi Games Lodi-Florens Re Marcello Vigevano (andata 3-1), Farmabios Sisa Gropello Cairoli-Bakery Gossolengo (andata 2-3), Vemac Vignola-Pro Patria Milano (andata 0-3), Gramsci Pool Volley Reggio Emilia-Anderlini Unicomstark Sassuolo (andata 0-3), Primedil Cost Seveso-Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia (andata 2-3), Texcart Città di Carpi-Volley 2001 Garlasco (andata 0-3), Valpala N&W-Pavidea Selta Fiorenzuola (ore 21,00) (andata 0-3).

FRANCO BONATTI

domenica 24 febbraio 2013

PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA-TEXCART CITTA' DI CARPI 3-1

PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA-TEXCART CITTA' DI CARPI 3-1 (23-25, 25-11, 25-12, 25-12)
PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA: Sotera 12, Barbarini 11, Amasanti 1, Testa (L), Francesconi 23, Fagioli 7, Guccione 10, Magno 11, Risoli. N.e: Vignola, Nicolini, Ghisolfi. All: Cremonesi. II° all. Mazza.
TEXCART CITTA' DI CARPI: Bonetti 7, Calanca 1, Benatti 8, Ruini 6, Rebecchi 14, Rosi 5, Dallari (L), Bettini 2, Goldoni, Garuti, Gaiuffi. N.e. Lanza. All: Amari. II° all. Stassi.
ARBITRI: Cimichella e Galantino di Pavia.
Pavidea Selta, serata di gloria. Le ragazze di Giuseppe Cremonesi hanno superato l'ostacolo Texcart Città di Carpi al termine di una gara difficile, intensa e ricca di carica emotiva con una prestazione di grande carattere contro un avversario che, pur essendo impelagato nella zona retrocessione, ha confermato di possedere un organico solido ed omogeneo, meritandosi parecchi elogi. La Pavidea Selta, dopo avere ceduto il primo set, è andata via di slancio in un crescendo rossiniano dimostrando carattere, condizione fisica e grande agonismo, finendo tra gli applausi.
Squadra che vince non si cambia ed allora avanti con le magnifiche sei che sette giorni fa strapazzarono il Volley 2001 Garlasco: Amasanti, Francesconi, Barbarini, Testa, Guccione e Fagioli, mentre le carpigiane si oppongono con un sestetto robusto formato da Ruini, Calanca, Bonetti, Rebecchi, Rosi e Dallari nel ruolo di "libero" mettendo subito la gara sul piano della intensità agonistica. Ospiti in palla e pronte al primo break firmato Rebecchi al quale le fiorenzuolane replicano per le rime con una ottima Barbarini che pareggia il conto con un paio di attacchi velocissimi (5-5). Il muro eretto dal Texcart si dimostra duro da superare anche per la potenza di Francesconi e Sotera ed allora ecco che Rebecchi, Benatti e Rosi spingono avanti il team di Amari che si porta sul 9-12. Cremonesi gioca la carta Ada Magno a rilevare Lorena Amasanti, ma la ricezione delle carpigiane tiene botta con autorità, in attacco ci pensano Elena Benatti e Maddalena Ruini a mettere in difficoltà le rossoblu padrone di casa che scivolano a quattro punti (10-14). Il Texcart non ha nulla da perdere e gioca con ordine dimostrandosi potente sotto rete dove tiene percentuali altissime con la solita accoppiata Ruini-Rebecchi ben supportata da Sonia Rosi che si impegna a trovare varchi nella difesa della Pavidea Selta guidata dalla onnipresente Alessia Testa. Ada Magno si conferma un ottimo punto di riferimento e premia la fiducia concessale dal tecnico Cremonesi con un uno-due di grande pregio che pareggia il conto (16-16). Bruno Amari cambia molto l'assetto in campo e le carpigiane tengono la scia delle valdardesi che hanno un sussulto con Noemi Barbarini e Ada Magno che vale un mini break (18-16). Le rossoblu prendono in mano la gara giocando con ordine e precisione sotto la regia di capitan Fagioli che mette al servizio delle compagne la sua esperienza e dispensa palloni importanti che Giulia Sotera concretizza per il 21-18. La Pavidea Selta, però, non riesce ad imprimere alla gara il ritmo migliore, perchè il Texcart resta incollato alla ruota e mette sul piatto della bilancia entusiasmo e determinazione. Carlotta Bettini trova un intelligente varco in mezzo alla difesa rossoblu e piazza una schiacciata in controtempo che riporta il punteggio in bilico; Giulia Sotera si fa murare da Ramona Bonetti  e per il team di Amari c'è un importante 21-23 che dà fiducia e coraggio. La Pavidea Selta reagisce con rabbia allo svantaggio, ma trova sulla sua strada Stefania Rebecchi che mette a terra  un set ball che un muro out di Valentina Guccione trasforma in 23-25. Uno a zero per il Texcart e si ricomincia.
Cremonesi suona la carica e l'inizio del secondo set parla fiorenzuolano, perchè la Pavidea Selta rialza la testa e si fa più sicura: Francesconi sale in cattedra e firma punti spettacolari, Ruini e Dallari "toppano" in ricezione e una "ace" di Giulia Sotera vale l'8-1. E' una Pavidea Selta più concreta ed i risultati si vedono: il Texcart va in difficoltà sotto gli errori in attacco di Benatti, e Valentina Guccione fa 12-2. Time out in casa carpigiana, Amari cambia sestetto, ma la ricezione è imprecisa, Ada Magno ringrazia ed è 15-3. Le valdardesi hanno ingranato la marcia giusta e diventano irresistibili: Barbarini e Fagioli si trovano a meraviglia e il vantaggio rossoblu diventa importante (17-3). Il Texcart prova a rientrare in partita mettendo giù due palloni con Ramona Bonetti, ma la Pavidea Selta ci ha preso gusto e insiste divertendo il pubblico che applaude quando Barbara Fagioli fa 20-8. Beatrice Francesconi manda in confusione le avversarie con un intelligente "lob" da 23-6 e Carlotta Bettnii "cicca" un pallone di Giulia Sotera e pareggia il conto (25-11).
La gara è sempre intensa e viva, la Pavidea Selta non ha perso il ritmo  vincente e vola sul 4-2 sfruttando gli errori della ricezione carpigiana. E' ancora Barbara Fagioli a farsi applaudire con un attacco che manda in crisi ancora Carlotta Bettini, Francesconi ha potenza da vendere e firma l'8-2 che lascia il Texcart a meditare sugli errori. Amari cerca di correre ai ripari, ma deve fare i conti con il trio Francesconi-Magno-Guccione che confeziona il 15-10. Le ospiti nmon mollano, ma si capisce che la Pavidea Selta è lanciatissima e quando prima Fagioli e poi Francesconi piazzano due palloni imprendibili, anche il Texcart alza bandiera bianca. Ecco allora che per la Pavidea Selta la gara si fa in discesa, in campo c'è ordine e tranquillità, Sotera schiaccia il 21-12, il Texcart ci mette del suo sbagliando il muro e Beatrice Francesconi respinge l'attacco di Stefania Rebecchi siglando il 25-12.
Si va al quarto atto con il Texcart che tenta un disperato sussulto rimanendo incollato grazie a Sonia Rosi, ma Elena Benatti vanifica tutto mandando out un attacco, mentre in campo opposto  Valentina Guccione fa il break 5-3. Maddalena Ruini la commette grossa in ricezione regalando alla Pavidea Selta l'8-5 che Francesconi, Fagioli e Sotera dilatano in 11-6. Le fiorenzuolane giocano a memoria, in scioltezza e vanno sul velluto, il Texcart si smarrisce e lascia strada ad "ace" di Barbarini, bissata dalle solite Sotera e Francesconi che valgono oro col 18-8. Il muro eretto dalle carpigiane è ancora abbastanzao solido per respingere un attacco di Ada Magno, ma è il canto del cigno, perchè Fagioli fa l'"ace" da 19-8. La gara è una discesa libera per le ragazze di Cremonesi che concede gloria anche a Sofia Risoli mandando Barbarini a tirare il fiato; Francesconi firma a modo suo il 22-11, poi ci pensa il muro di Elena Benatti a dare alle fiorenzuolane il ventitreesimo punto che, prima Guccione gtrasforma in set ball, poi Barbara Fagioli mette in cassaforte suggellando la sua serata da protagonista.
Risultati della quarta giornata del girone di ritorno: Florens Re Marcello Vigevano-Farmabios Sisa Gropello Cairoli 3-0, Bakery Gossolengo-Properzi Games Lodi 3-0, Pro Patria Milano-Gramsci Pool Volley Reggio Emilia 2-3, Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia-Vemac Vignola 0-3, Anderlini Unicomstark Sassuolo-Primedil Cost Seveso 3-0, Pavidea Selta Fiorenzuola-Texcart Città di Carpi 3-1, Volley 2001 Garlasco-Valpala N&W 3-0.
Classifica: Bakery Gosslengo p.46, Pavidea Selta Fiorenzuola p.43, Volley 2001 Garlasco p.32, Farmabios Sisa Gropello Cairoli p.31, Florens Vigevano p.28, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia p.25, Properzi Games Lodi, Primedil Cost Seveso, Pro Patria Milano p.24, Anderlini Unicomstark Sassuolo p.19, Valpala N&W, Vemac Vignola p.18, Texcart Città di Carpi p.13, Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia p.12.
FRANCO BONATTI


giovedì 21 febbraio 2013

PAVIDEA SELTA AVANTI COSI'

Pavidea Selta, avanti così. Le rossoblu di Giuseppe Cremonesi hanno ripreso a correre dopo lo scivolone subito sul parquet della Pro Patria Milano e a farne le spese è stato questa volta il sestetto della Volley 2001 Garlasco che, arrivato al "Palamagni" deciso a tenere il passo da play offs, ha dovuto ammainare bandiera dopo un'ora nella quale è riuscito soltanto a fare il solletico a Fagioli e compagne che hanno dimostrato quella reazione tipica della squadra di rango. Nubi scacciate, quindi, un casa valdardese e con il sereno è tornata quella sete di vittoria che è indispensabile per arrivare a traguardi importanti. Contro il giovane ed agguerrito complesso pavese, la Pavidea Selta si è espressa ad alti livelli mettendo sul piatto della bilancia la sua maggiore esperienza e tecnica pallavolistica, oltre ad una forte dose di adrenalina: la solita accoppiata Amasanti-Francesconi ha fatto da traino alle compagne innestando fin dalle prime battute la marcia più alta, Giulia Sotera, pur senza finire in doppia cifra, è stata fondamentale in certi frangenti per dare fiducia e carica al gruppo, l'onnipresente Alessia Testa si è vestita da Batwoman volando a  recuperare palloni impossibili, Ada Magno ha messo a profitto con grande freddezza il suo scampolo di partita, mentre Noemi Barbarini ha dimostrato di essere in grande crescendo di condizione firmando punti decisivi, imitata da Valentina Guccione sempre molto ordinata e precisa. Il resto è un copione già già scritto e letto dove spicca la compattezza dell'organico e la reattività delle singole che anche nei momenti di difficoltà sanno trovare la via di uscita. Milano, insomma, è stata solo una serata venuta male, uno scivolone imprevisto che ha fatto da punto di partenza per la costruzione di una vittoria limpida e convincente. La stella della Pavidea Selta è tornata a splendere sul campionato e a dieci turni dal termine della regular season, si ha la sensazione che il bello debba ancora venire: la capolista Bakery Gossolengo va avanti spedita, ma comincia a perdere qualche set e questo è forse sintomo di stanchezza che con l'andare del tempo potrebbe rappresentare un pericolo concreto. In fin dei conti la Pavidea Selta ha dimostrato in più di una occasione di non essere inferiore alle "cugine" di Franco Corraro e quindi da qui al quattro maggio può succedere di tutto.
Chi vivrà, vedrà e intanto si guarda all'immediato futuro che presenta il secondo turno casalingo consecutivo dal quale ricavare il massimo: sabato 23 febbraio alle 20,30 salirà al "Palamagni" il Texcart Città di Carpi, una compagine che occupa il penultimo posto in classifica, ma che ha sette vite ed  entusiasmo da vendere dopo la vittoria nello scontro diretto con il Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia al quale ha lasciato lo scomodo posto di "cenerentola". La società emiliana, fondata nel 1963 col nome di U.S. Mondial, ha comnciato ad affacciarsi sul mondo della pallavolo nel 1973 e con il trascorrere degli anni ha raccolto parecchie soddisfazioni, conquistando al termine della stagione 2010-2011 la promozione in B/2 e vincendo nel 2011 il titolo di campione d'Italia Csi "Top Junior" e nel 2012 quello del campionato Allieve. La compagine allenata da Bruno Amari presenta interessanti individualità a cominciare dalle esperte "centrali" Cecilia Gaiuffi e Serena Rebecchi, spalleggiate dalle "banda" Ramona Bonetti e Carlotta Bettini che vanta un importante trascorso in B/1 con la maglia del Cadelbosco, ma tutto il complesso sa giocare ad un buon livello e soprattutto non si arrende mai come dimostrato nella gara di andata quando la Pavidea Selta, in vantaggio due set e zero, subì la rimonta delle scatenate biancoblu dovendo poi affidarsi al tie break per conquistare la vittoria.
Il programma della quarta giornata di ritorno: Florens Vigevano-Farmabios Sisa Gropello Cairoli (andata 0-3), Bakery Gossolengo-Properzi Games Lodi (andata 3-1), Pro Patria Milano-Gramsci Pool Volley Reggio Emilia (andata 3-2), Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia-Vemac Vignola (andata 3-1), Anderlini Unicomstark Sassuolo-Primedil Cost Seveso (andata 0-3), Pavidea Selta Fiorenzuola-Texcart Città di Carpi (ore 20,30) (andata 3-2), Volley 2001 Garlasco-Valpala N&W (andata 3-1).
FRANCO BONATTI
 

domenica 17 febbraio 2013

PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA-VOLLEY 2001 GARLASCO 3-0

PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA-VOLLEY 2001 GARLASCO 3-0 (25-13, 25-13, 25-15)
PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA: Sotera 7, Barbarini 13, Amasanti 18, Testa (L), Francesconi 13, Fagioli 2, Guccione 5, Magno 1. N.e. Vignola, Nicolini, Ghisolfi. All: Cremonesi. II° all. Mazza.
VOLLEY 2001 GARLASCO: Milanesi (L), Taglietti (L), Gilardi 1, Maraffini 1, D'Ettorre, Bocca 9, Bosco 8, Ricci 1, Cozzi 10. N.e. Sassi, Mawed, Vanzelli. All: Mattioli.
ARBITRI: D'Agosta e Copparoni di Bologna.
La Pavidea Selta c'è e si vede. Chiamate a fornire risposte positive dopo la serata storta di Milano, le rossoblu fiorenzuolane hanno dimostrato il carattere e le motivazioni proprie di una grande squadra, superando di slancio il Volley 2001 Garlasco al termine di una gara dagli altiu contenuti spettacolari e piena di intensità agonistica. Il confronto non si presentava facile, perchè le pavesi di Mattioli costituivano un complesso amalgamato a dovere e pieno di entusiasmo per essere entrato nella zona play offs e potevano sfruttare il momento favorevole, ma le valdardesi hanno saputo andare oltre i pericoli e le insidie psicologiche del dopo Pro Patria sciorinando sessantasei minuti di pallavolo grintosa, adrenalinica e piena di dinamismo che ha mandato in frantimi i sogni della "matricola terribile".
Il tecnico Giuseppe Cremonesi parte con Francesconi, Sotera, Testa, Amasanti, Fagioli e Guccione; la risposta di Mattioli è firmata D'Ettorre, Milanesi, Bocca, Maraffini, Gilardi e Cozzi, un sestetto che prova subito a stuzzicare le padrone di casa decise, al contrario, a non correre rischi inutili. Lorena Amasanti sale subito in cattedra e mette a terra un uno-due rapidissimo che lascia al palo il Garlasco costretto a recuperare quattro punti. In campo pavese il muro eretto da Gilardi e Ricci va in altalena e la Pavidea Selta ne approfitta staccandosi imperiosamente con una serie di attacchi veloci firmati Francesconi-Amasanti. Cremonesi manda sul parquet Valentina Guccione a staffettare con Alessia Testa e il "centrale", dall'alto dei suoi 180 centimetri, contribuisce a mettere punti in dispensa con un paio di fendenti imprendibili per Milanesi e Maraffini. Gara intensa, perchè il Volley 2001 è pericoloso sotto rete con Gilardi, Bocca de Cozzi, ma le valdardesi corrono e dimostrano di avere già dimenticato la Pro Patria: Barbara Fagioli mette a terra un pallonetto, Giulia Sotera e Valentina Guccione hanno dinamismo da vendere e la Pavidea Selta si stacca (11-7). Lombarde in netta difficoltà ed allora dalla panchina arrivano i cambi a cercare di imbrigliare le rossoblu che resistono nonostante in campo opposto Cozzi e Bosco si facciano vedere parecchio con successo sotto rete portandosi in scia avversaria (12-11). Cremonesi chiede un time provvidenziale per riordinare le idee e Lorena Amasanti rimette subito le cose a posto con due attacchi che mandano in crisi il bagher di Maraffini e Milanesi; Barbarini fa 16-11, Angela Bocca manda fuori un muro e in pochi minuti la Pavidea Selta si ritrova a "+10" (21-11). La gara si mette in discesa per le rossoblu che giocano in scioltezza e con tranquillità: Francesconi piazza una battuta vincente, Milanesi non controlla una palla di Giulia Sotera, Amasanti mette a terra un set ball che Barbarini concretizza (25-13).
Secondo atto con il team di Cremonesi subito in accelerazione, ma il Volley 2001 Garlasco non molla ed è sempre lì grazie ad un muro tornato solido e a una ricezione che Eva Maraffini ed Ilaria Ricci rendono quasi perfetta. La Pavidea Selta, però, ha preso il ritmo e la accoppiata Francesconi-Amasanti diventa protagonista di un 7-3 spettacolare al quale il  Garlasco risponde con una "ace" di Ilaria Ricci che fa solo solletico, perchè Giulia Sotera e un attacco out di Sonia Gilardi confezionano un importante 14-11 che ancora Noemi Barbarini, in crescendo di condizione, trasforma in 16-11. Le pavesi vacillano visibilmente, Mattioli cambia qualcosa, ma la Pavidea Selta è senza freni, sicura sotto rete e solida in difesa dove Alessia Testa è insuperabile e Lorena Amasanti molto ordinata; Noemi Barbarini va sugli scudi mettendo a terra il 22-12, Valentina Cozzi manda fuori un attacco e Lorena Amasanti fa una "ace" da set ball che questa volta tocca a Giulia Sotera mandare in archivio (25-13).
Terzo set e la Pavidea Selta tira il fiato dando un po' di gloria alle avversarie che si fanno vedere più spesso sotto rete dove brilla Valentina Cozzi alla quale fanno eco Federica Bosco e Angela Bocca per un sorpasso che vale oro (4-8). Subito la panchina rossoblu corre ai ripari con un provvidenziale time out che ridà linfa e agonismo: Barbarini mura Ilaria Ricci, Sotera e Guccione vanno a punti e Beatrice Francesconi fa 10-10. Il Volley 2001 Garlasco va in riserva, Bocca forza troppo un attacco, la ricezione pasticcia su un pallone vagante di Giulia Sotera, Valentina Cozzi "ciabatta" sotto rete e Lorena Amasanti mette a terra la palla del 15.11. Cremonesi cambia Sotera con Ada Magno sempre pronta a dare ordine e sicurezza in ricezione, le pavesi provano il clamoroso recupero con due attacchi vincenti portati da Bocca e Bosco, ma è ancora una motivatissima Amasanti ad andare a segno per il 20-14. Il ventiduenne opposto va in battuta e mette in difficoltà il libero Milanesi che pasticcia, Angela Bocca fallisce un attacco, Ada Magno si inventa un 24-15 ed è Beatrice Francesconi a mettere giù il pallone del game over. Pro Patria dimenticata. Che bella idea la Pavidea.
I risultati della terza giornata di ritorno: Farmabios Sisa Gropello Cairoli-Properzi Games Lodi 3-2, Pavidea Selta Fiorenzuola-Volley 2001 Garlasco 3-0, Vemac Vignola-Florens Vigevano 2-3, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia-Bakery Gossolengo 1-3, Primedil Cost Seveso-Pro Patria Milano 3-2, Valpala N&W-Anderlini Unicomstark Sassuolo 1-3, Texcart Città di Carpi-Grissinbon Tecnocopie Reggio Emila 3-1.
Classifica: Bakery Gossolengo p.43, Pavidea Selta Fiorenzuola p.40, Farmabios Sisa Gropello Cairoli p.31, Volley 2001 Garlasco p.29, Florens Vigevano p.25, Properzi Games Lodi, Primedil Cost Seveso p.24, Pro Patria Milano, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia p.23, Valpala  N&W p.18, Anderlini Unicomstark Sassuolo p.16, Vemac Vignola p.15, Texcart Città di Carpi p.13, Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia p.12.
FRANCO BONATTI

martedì 12 febbraio 2013

FIOCCO AZZURRO....IL SECONDO IN CASA PAVIDEA SELTA

Ed ecco il seconto fiocco azzurro in casa Pavidea Selta,
dopo la ex giocatrice e dirigente Micol Masetati, la storica Capitana di Fiorenzuola Sara Cavallaro, ieri sera ha dato alla luce un maschietto di nome Giosuè.
La famiglia si allarga anche se le nostre bandiere non rinverdiscono il vivaio di Fiorenzuola dando alla luce dei magnifici maschietti.
Dopo Mattia che si è già dato al nuoto vediamo se Giosuè diventerà un futuro giocatore della maschile di pallavolo o un calciatore come il Papà Giuseppe.
Tutta la società i dirigenti, gli allentori e tutte le atlete piccole e grandi fanno gli auguri a  Sara e Beppe per questo magnifico evento....

domenica 10 febbraio 2013

PRO PATRIA MILANO-PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA 3-0

PRO PATRIA MILANO-PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA 3-0 (25-16, 25-23, 27-25)
PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA: Sotera 12, Barbarini 10, Francesconi 8, Amasanti 7, Guccione 4, Magno 3, Fagioli 3, Testa (L), Vignola. N.e. Risoli, Nicolini. All: Cremonesi. II° all. Mazza.
Improvviso ed imprevisto capitombolo della Pavidea Selta tornata dalla trasferta di Milano contro la Pro Patria con una secca e pesante sconfitta che consente alle "cugine" del Bakery Gossolengo di conquistare il primato in classifica in perfetta solitudine. Le rossoblu di Giuseppe Cremonesi hanno incontrato parecchie difficoltà contro una formazione in serata di grazia che cercava punti fondamentali per togliersi dalla "zona rossa" del fondo classifica e un risultato di prestigio che potesse dare una botta al morale.
Gara fin dalle prime battute difficile per Fagioli e compagne, complice anche una palestra dalle dimensioni ridotte e con scarsa illuminazione, situazione ambientale che favorisce le padrone di casa in grado di giocare a ritmi altissimi e cogliere di sopresa la Pavidea Selta sopratuttto sui servizi che non sempre la ricezione riesce ad arginare. Il team di Brugnone si stacca con decisione  anche con un pizzico di fortuna per qualche pallone finito sul nastro e caduto in campo opposto, Sotera e Francesconi cercano di tenere vivo il punteggio, ma le lombarde hanno una marcia in più, mentre le fiorenzuolane non riescono ad uscire da un pericoloso momento di crisi che le fa precipitare a otto lunghezze subendo sei "aces" (10-2). Il tecnico Cremonesi chiama un time out per provare a scuotere il gruppo che ha qualche sussulto con Noemi Barbarini, ma la Pro Patria corre veloce e nonostante qualche errore di misura mantiere un vantaggio di sicurezza che l'impegno e il coraggio di Fagioli e compagne non sanno colmare. Le padrone di casa mettono in cantiere il primo set 25-16, lasciando la Pavidea Selta con tanta rabbia in corpo, ma con la speranza di riuscire ad invertire il trend negativo. E la seconda partita sembra portare maggiori sorrisi in casa fiorenzuolana, perchè sul parquet si vede un maggiore equilibrio e la gara diventa così più interessante e spettacolare, la Pro Patria sente la pressione avversaria e comincia a commettere qualche errore che permette alle valdardesi di tenere il passo e prendere coraggio. Il "muro" Pavidea non è solido come in altre occasioni e le lombarde ne approfittano per mettere a segno qualche punto importante che lascia il segno; allora ci prova Lorena Amasanti a tenere botta con un servizio vincente, la Pro Patria risponde subito con la stessa moneta e la partita va avanti in perfetto equilibrio fino a quando sul 24-23 e con la Pavidea Selta pronta al sorpasso ed a  piazzare l'allungo decisivo, un clamoroso errore arbitrale regala il set alla Pro Patria (25-23).
Il torto arbitrale subito dà la carica alla Pavidea Selta che comincia la terza frazione con il ritmo dei tempi migliori: Barbarini, Sotera, Francesconi ed Amasanti girano a mille e per la Prto Patria arrivano le difficoltà  sotto rete ed in ricezione. Il tecnico Brugnone chiamaa raccolta le ragazze e dà preziosi consigli che in campo vengono tradotti al meglio con un paio di "aces" che portano il punteggio sul 8-5. La gara rimane incertta e palpitante, le valdardesi ci credono e mettono la marcia alta; Lorena Amasanti piazza tre servizi imprendibili, Giulia Sotera è martellante sotto rete e le rossoblu allungano (16-13). Le padrone di casa vacillano, ma riescono a rimettersi in carreggiata approfittando degli errori in ricezione delle fiorenzuolane che ritornano in apnea ed allora Cremonesi cambia le pedine dando spazio a Ada Magno che mette a segno subito 2 punti e Marta Ghisolfi, facendo rifiatare Amasanti e Guccione. La gara ormai si avvia all'epilogo, la Pavidea Selta sente di potere rimettersi in partita e prova a alzare ancora il ritmo, ma quando sembra che la Pro Patria stia per cedere, è ancora una decisione arbitrale sfavorevole a chiudere il conto (27-25). Festeggia la Pro Patria, beve fiele la Pavidea Selta. Scherzo di Carnevale. Prendiamola così.
Risultati della seconda giornata di ritorno: Anderlini Unicomstark Sassuolo-Volley 2001 Garlasco 2-3, Properzi Games Lodi-Vemac Vignola 3-2, Pro Patria Milano-Pavidea Selta Fiorenzuola 3-0, Farmabios Sisa Gropello Cairoli-Gramsci Pool Volley Reggio Emilia 3-2, Florens Re Marcello Vigevano-Texcart Città di Carpi 3-0 , Bakery Gossolengo-Primedil Cost Seveso 3-0, Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia-Valpala N&W 3-1.
Classifica: Bakery Gossolengo p.40, Pavidea Selta Fiorenzuola p.37, Farmabios Sisa Gropello Cairoli, Volley 2001 Garlasco p.29, Properzi Games Lodi, Florens Re Marcello Vigevano, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia p.23, Pro Patria Milano, Primedil Cost Seveso p.22, Valpala N&W p.18, Vemac Vignola  p.14, Anderlini Unicomstark Sassuolo p.13, Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia p.12, Texcart Città di Carpi p.10.
FRANCO BONATTI

giovedì 7 febbraio 2013

PAVIDEA SELTA NEL SEGNO DI LORENA AMASANTI

Pavidea Selta, nel segno di Lorena Amasanti. La vittoria ottenuta contro la giovane ed agguerrita compagine dell'Anderlini Unicomstark Sassuolo se da un lato è arrivata in una serata non del tutto positiva, dall'altro è stata il frutto di una prestazione maiuscola di Lorena Amasanti, il ventiduenne opposto che oltre a realizzare uno "score" di ventuno punti, si è fatta vedere in attaccco e difesa con molta frequenza costituendo un punto di riferimento costante per le compagne che si sono affidate alle sue qualità agonistiche e tecniche per dipanare una matassa che, sopratutto nel terzo set, stava diventando intricata. Il  3-0 rifilato alle modenesi, fa pensare che quando si vincono partite del genere giocando al di sotto delle proprie possibilità, prendendosi qualche rischio di troppo, si possa concretamante sognare qualcosa di importante: il Bakery Gossolengo ha ancora lo scettro del primato, ma il set perso contro le bergamasche del Valpala N&W ha ridotto la forbice del quoziente set che adesso parla a favore del team di Franco Corraro per due decimi di punto (3,9 contro il 3,7273 delle fiorenzuolane) e questo sta a significare che se le "cugine" dovessero sbagliare ancora uno scampolo di partita e la Pavidea Selta calare un altro terno secco., ci sarebbe il sorpasso. Discorsi aprioristici da prendere sempre con le dovute precauzioni, perchè ogni partita masconde insidie ed imprevisti, ma logici dal punto di vista delle fredde cifre che, spesso, sanno procurare nuove, intense emozioni.
Il successo contro l'Anderlini Unicomstark Sassuolo va in archivio e gli errori commessi soprattutto nei trentuno minuti del terzo set potranno diventare motivo di esame da parte del tecnico Giuseppe Cremonesi che, una volta di più, ha confermato grandi doti strategiche e una altissima capacità di leggere le partite, una certezza in più per la Pavidea Selta che può guardare avanti con maggiore fiducia e tranquillità, nella consapevolezza di avere un timoniere navigato e che quella contro il sestetto modenese è stata soltanto una serata nata male.
Ed allora avanti tutta verso la trasferta al "Palanatta" di via Don Calabria a Milano dove sabato 9 febbraio alle 21,00 le rossoblu affronteranno la Pro Patria reduce dalla vittoria al tie break sul parquet della Texcart Città di Carpi e posizionatasi sette punti sopra la "zona rossa" che porta nell'inferno della serie C. Il team milanese, nato nell'ormai lontano 1975, costituisce un punto di riferimento per il movimento pallavolistico femminile non solo in Lombardia, ma anche a livello nazionale, dal momento che la scuola volley della società presieduta da Elisa Franchina è presente in molte scuole elementari e medie del capoluogo lombardo e riesce ad avvicinare allo sport diverse centinaia di giovani trovando motivo di grande soddisfazione. La Pro Patria Milano nella sua lunga storia agonistica ha raggiunto risultati significativi concentratisi sopratutto nell'ultimo decennio con la conquista di ventotto titoli provinciali, dieci  titoli regionali e addirittura tre scudetti con le formazioni Under 14, Under 15 e Under 17, un palmares prestigioso che dimostra la serietà e la programmazione di una società da prendere come esempio. Il tecnico Luigi Brugnone ha a disposizione una "rosa" omogenea e senza grandi punti deboli che in ogni gara riesce a mettere in campo coraggio, grinta e determinazione, affidandosi alle qualità di Arianna Corti, Alessandra Chiodini, Gaia Aquino e Francesca Bettale, un poker di intelligenza e potenza che fa da traino a tutto l'organico. La gara di andata si concluse con la vittoria della Pavidea Selta per 3-1 al termine di una gara difficile, intensa ed incerta a conferma della forza e pericolosità delle milanesi decise a sfruttare il fattore campo per compiere un altro importante passo verso la salvezza. 
Il programma della seconda giornata di ritorno: Anderlini Unicomstark Sassuolo-Volley 2001 Garlasco (andata 0-3), Properzi Games Lodi-Vemac Vignola (andata 3-2), Pro Patria Milano-Pavidea Selta Fiorenzuola (ore 21,00) (andata 1-3), Farmabios Sisa Gropello Cairoli-Gramsci Pool Volley Reggio Emilia (andata 3-0), Florens Vigevano-Texcart Città di Carpi (andata 3-1), Bakery Gossolengo-Primedil Cost Seveso (andata 3-0), Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia-Valpala N&W (andata 0-3).
FRANCO BONATTI

domenica 3 febbraio 2013

PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA-ANDERLINI UNICOMSTARK SASSUOLO 3-0

PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA-ANDERLINI UNICOMSTARK SASSUOLO 3-0 (25-14, 25-15, 30-28).
PAVIDEA SELTA FIORENZUOLA: Sotera 11, Barbarini 11, Nicolini L. 1, Amasanti 21, Testa (L), Francesconi 11, Fagioli 3, Ghisolfi 1, Guccione 2. N.E. Vignola, Ziliani, Magno. All: Cremonesi. II° all: Mazza.
ANDERLINI UNICOMSTARK SASSUOLO: Ferrari 3, Galli Venturelli, Faietti 9, Pagani 1, Errichiello 6, Brina 5, Pampana, Mambelli 10, Alfonsi 7, Nicolini M. 1, Gennari. All: Maioli. II° all: Pelloni.
ARBITRI: Lombardi di Parma  e Cavanna di Piacenza.
Pavidea Selta, vittoria col brivido. Le ragazze fiorenzuolane hanno chiuso la pratica Anderlini Unicomstark Sassuolo,  sapendo mettere in campo quella determinazione e quelle doti tecniche che in serate piene di ombre, riescono a fare la differenza. L'incontro, se sulla carta si presentava facile per la differente caratura tecnica tra la damigella d'onore Pavidea Selta e la giovane compagine modenese impegnata nella lotta per non retrocedere, nascondeva in realtà perecchie incognite, prima tra tutte quella che il confronto arrivava dopo una settimana di sosta non sempre in grado di avere risvolti positivi sul rendimento delle singole. Ed il campo ha avvalorato i timori e le preoccupazioni della vigilia, perchè le rossoblu di Cremonesi sono apparse non sempre lucide e con qualche giocatrice non al meglio della condizione, e il sestetto modenese che, non avendo nulla da perdere, ha giocato con molto ordine togliendosi anche qualche piccola soddisfazione.
Cremonesi si affida alle "magnifiche sei" mandando sul parquet Sotera, Barbarini, Amasanti, Francesconi, Fagioli e Guccione, mentre in campo opposto Roberta Maioli risponde con Ferrari, Galli Venturelli, Faietti, Pagani, Brina e Mambelli che dimostrano subito di non volere vestire gli abiti delle vittime designste, mettendo subito la gara sui binari della incertezza: Martina Faietti e Benedetta Mambelli si fanno vedere sotto rete con molta frequenza e riescono a mandare in tilt la ricezione valdardese che non sempre è puntuale e precisa. La gara va avanti con continui botta e risposta, Barbarini e una scatenata Lorena Amasanti tengono vivo il punteggio, Ferrari manda out un muro e Giulia Sotera fa un break (8-6). La panchina modenese chiama un time out, ma in campo la Pavidea Selta sembra avere trovato il ritmo giusto e si stacca approfittando di qualche errore in ricezione di Mambelli e Brina. La partita si fa interessante e l'Anderlini Unicomstark gioca con ordine e sotto rete si dimostra potente con le solite Faietti e Brina, mentre in difesa tocca al libero Alice Gennari il compito di arginare gli attacchi rossoblu. Le valdardesi provano a riordinare le idee ed è Lorena Amasanti a farsi trovare pronta ad un muro che frutta un 18-14. Sembra che la gara si metta in discesa per le padrone di casa che riescono a fare valere la loro maggiore tecnica, ma l'Anderlini Unicomstark non vuole cedere le armi troppo presto e rimane pericolosamente in scia cercando di sfruttare al meglio ogni incertezza avversaria. Il tecnico Maioli cambia spesso le carte in tavola per provare il colpo ad effetto, ma la Pavidea Selta ha una Amasanti in più e piazza un paio di battute imprendibili che portano a dieci set ball. Le modenesi non mollano la presa nonostante lo svantaggio, ma Martina Brina manda oltre la riga rossa un muro e la Pavidea Selta chiude il conto (25-14).
L'inizio del secondo set è ancora favorevole alla agguerrita formazione ospite che mette a segno un paio di attacchi veloci e sorprende le padrone di casa che vanno sotto 1-3. Gara sempre avvincente e con momenti spettacolari che strappano applausi a scena aperta, Lorena Amasanti è in serata da regina e mette a terra il pallone del sorpasso, subito imitata da Beatrice Francesconi che fa 9-6 alla sua maniera. Chiara Ferrari prova un muro su Barbarini, ma non ha fortuna e la Pavidea Selta prende un vantaggio di sicurezza su un "ace" di Barbarini e un attacco vincente di "Beatrice "martello" Francesconi (13-9). Adesso è l'Anderlini a pagare dazio con qualche errore di troppo sotto rete, mentre Noemi Barbarini chiude a suo favore due attacchi per un rassicurante 22-12. Cremonesi concede qualche attimo di respiro a Lorena Amasanti e manda in campo Luisa Nicolini che fa subito una "ace" da set ball che Giulia Sotera trasforma in un 25-15.
La sorte della Anderlini Unicomstark sembra segnata e ci si attende una terza partita senza grossi sussulti, ma come in un flim di Alfred Hitchcock, la gara prende binari imprevedibili per le fiorenzuolane che cominciano ad andare in debito di ossigeno favorendo il team di Roberta Maioli che prende fiducia e coraggio restando incollato alle rossoblu. Amasanti si impegna sia in attacco che in difesa, Beatrice Francesconi è sempre un punto di riferimento importante, ma nell'altra parte del campo Mambelli e Alfonsi sanno fare male e l'Anderlini Unicomstark tiene il passo con sicurezza ed autorità. Il pubblico di fede rossoblu capisce il momento di difficoltà di Fagioli e compagne e si fa sentire, Lorena Amasanti fa 18-15, Benedetta Manbelli stoppa tutto e chiude un attacco per il 18-17. Marta Ghisolfi staffetta con AlessiaTesta ed ha il suo momento di gloria firmando il 19-17, ma la Pavidea Selta non riesce a prendere in mano la gara e soffre le continue accelerate delle modenesi che rispondono colpo su colpo. Un botta e risposta che trova anche la Anderlini in vantaggio su errori in ricezione di Testa e Francesconi, ma Barbara Fagioli tira fuori dal suo cilindro una battuta sulla quale Martina Brina balbetta, un attacco di Lorena Amasanti vale il 28-27 e un muro fuori misura di Chiara Ferrari chiude il conto. 30-28, 3-0. dedicato ai deboli di cuore.
 Risultati della prima giornata del girone di ritorno: Pavidea Selta Fiorenzuola-Anderlini Unicomstark Sassuolo 3-0, Vemac Vignola-Farmabios Sisa Gropello Cairoli 3-0, Volley 2001 Garlasco-Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia 3-0, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia-Florens Vigevano 3-0, Primedil Cost Seveso-Properzi Games Lodi 3-1, Valpala N&W-Bakery Gossolengo 1-3, Texcart Città di Carpi-Pro Patria Milano 2-3.
Classifica: Bakery Gossolengo, Pavidea Selta Fiorenzuola p.37, Farmabios Sisa Gropello Cairoli, Volley 2001 Garlasco p.27, Gramsci Pool Volley Reggio Emilia, Primedil Cost Seveso p.22, Properzi Games Lodi p.21, Florens Re Marcello Vigevano p.20, Pro Patria Milano p.19, Valpala N&W p.18, Vemac Vignola p.13, Anderlini Unicomstark Sassuolo p.12, Texcart Città di Carpi p.10, Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia p.9.
FRANCO BONATTI

venerdì 1 febbraio 2013

PAVIDEA SELTA RITORNO AL PASSATO

Pavidea Selta, ritorno al passato. Riparte sabato 2 febbraio il campionato femminile di B/2 che manda in scena la prima giornata del girone di ritorno, proponendo alle fiorenzuolane di Giuseppe Cremonesi un confronto casalingo interessante per i risvolti tecnico agonistici. Alle 20,30 sul parquet del "Palamagni scenderà il sestetto della Anderlini Unicomstark di Sassuolo per dare vita ad un confronto sulla carta dal pronostico segnato a favore della corazzata rossoblu, ma che in realtà racchiude incognite e trappole. La Pavidea Selta ha concluso la fase ascendente con un successo netto contro il Farmabios Sisa Gropello Cairoli, terzo in classifica e confermatosi un complesso in grado di recitare un ruolo importante nell'ottica play off, ma la vittoria di Fagioli e compagne, se da un lato è stata larga nel punteggio, dall'altro ha presentato diverse anomalie soprattutto sotto l'aspetto agonistico, evidenziatesi in alcuni errori e distrazioni che in altre circostanze sarebbero potute costare caro. La Pavidea Selta ha il grande vantaggio di possedere un organico di alto livello ed uno spirito di gruppo eccezionale che spesso fa la differenza, ma è chiaro che certe leggerezze devono essere limitate o addirittura azzerate per non correre troppi rischi soprattutto al cospetto di compagini dal tasso tecnico inferiore e sprecare energie fisiche e mentali che in una fase finale della stagione dai risvolti incerti ed interessanti, potrebbero diventare preziosissime nello sprint finale per il salto di categoria. Il test di sabato sera contro la giovane, ma agguerrita formazione modenese è di quelli importanti in grado di dare risposte ai dubbi e quantificare l'immediato futuro. L'Anderlini Unicomstark Sassuolo fa parte di un progetto pallavolistico proiettato al futuro che fa capo ad una scuola fondata nel 1985 da Andrea Nannini e Rodolfo Giovenzana, colonne portanti della Panini Modena e dedicata dal 1991 a Franco Anderlini, un atleta ed un allenatore che ha scritto pagine importanti della storia del volley nazionale. La formazione allenata da Roberta Maioli sta interpretando la sua stagione in modo non del tutto brillante ed attualmente occupa l'undicesimo posto in classifica a cinque lunghezze dalla sponda salvezza, ma è reduce da un franco successo contro il Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia che ha portato punti e maggiore serenità a tutto l'ambiente. D'altra parte la gara di andata vide l'Anderlini Unicomstark cedere al tie break alle valdardesi, ma ne mise in evidenza anche una intelaiatura di buon livello e dai grandi margini di miglioramento che il campo ha puntualmente portato alla luce. La Pavidea Selta rimase un po' sorpresa dalla dinamicità delle modenesi e si trovò anche a dovere rincorrere nel punteggio, rischiando parecchio e confermando, in fin dei conti, tutte le ottime credenziali in possesso del team bianco azzurro. Da quell'ormai lontano 13 ottobre è passata molta acqua sotto i ponti, il team di Giuseppe Cremonesi è andato in crescendo fino ad arrivare ai vertici della classifica, le modenesi hanno ingoiato bocconi amari, ma hanno fatto passi importanti sotto il profilo caratteriale ed agonistico, finendo per diventare un ostacolo indigesto per qualsiasi avversario. I "centrali" Caterina Cigarini e Martina Faietti, l'opposto Caterina Errichiello e la schiacciatrice Benedetta Mambelli rappresentano i punti di forza di un sestetto emiliano pieno di entusiasmo che arriverà in Valdarda senza nulla da perdere e per questo non dovrà essere sottovalutato. 
Il programma della prima giornata di ritorno: Pavidea Selta Fiorenzuola-Anderlini Unicomstark Sassuolo (ore 20,30) (andata 3-2), Vemac Vignola-Farmabios Sisa Gropello Cairoli (andata 0-3), Volley 2001 Garlasco-Grissinbon Tecnocopie Reggio Emilia (andata 3-2), Gramsci Pool Volley Reggio Emilia-Florens Vigevano (andata 1-3), Primedil Cost Seveso-Properzi Games Lodi (andata 1-3), Valpala N&W-Bakery Gossolengo (andata 0-3), Texcart Città di Carpi-Pro Patria Milano (andata 0-3).
FRANCO BONATTI